Orari di lavoro

L’orario di lavoro è “qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al lavoro, a disposizione del datore di lavoro e nell’esercizio della sua attività o delle sue funzioni” in base a quanto stabilito dall’art. 1, comma 2 lettera a) del D.Lsg n. 66/2003.

Il normale orario di lavoro è fissato in 40 ore settimanali che però sono modificabili in senso riduttivo dai CCNL e l’orario massimo, sempre stabilito dai CCNL non può superare le non può comunque superare mediamente le 48 ore settimanali, comprese le ore di straordinario (quello che va oltre le 40 ore settimanali).

Il lavoratore in base all’orario di lavoro ha diritto a: riposo giornaliero, pause giornaliere, riposo settimanale e ferie annuali.

Per approfondimenti leggi anche la guida.

Orari di lavoro, ultimi articoli su Money.it

Badanti: chi sceglie il giorno di riposo settimanale?

Tutti i collaboratori domestici hanno diritto a un giorno di riposo settimanale; la scelta del giorno non è stabilita per legge ma è affidata alla negoziazione tra le parti e va inserita nella lettera di assunzione della badante.

Orario di lavoro: quali regole impone la legge?

La disciplina dell’orario di lavoro nel nostro ordinamento ha subito diverse variazioni nel corso degli anni. Vediamo quali regole devono rispettare i datori di lavoro per non incorrere in sanzioni.

|