Junk Bond

Un junk bond (letteralmente “titolo spazzatura”) è un termine che si riferisce a delle obbligazioni ad alto rendimento (high yield). I junk bond sono strumenti a reddito fisso con un rating BB o inferiore conferito da un’agenzia di rating.

I junk bond sono definiti così a causa del loro alto rischio di default rispetto alle obbligazioni con un rating di investimento.

I junk bond sono investimenti rischiosi, ma hanno un’attrattiva speculativa perché offrono rendimenti molto più elevati rispetto alle obbligazioni con rating più alti. Gli investitori richiedono che le obbligazioni spazzatura paghino dei rendimenti superiori come compenso per il rischio acquisito nell’investimento in essi.

Se un junk bond riesce a migliorare le proprie performance finanziarie e la propria valutazione creditizia, l’investitore può godere di un notevole apprezzamento del prezzo del titolo.

Junk Bond, ultimi articoli su Money.it

Crisi Venezuela: sui bond monta la speculazione

Pubblicato il 24 gennaio 2019 alle 16:14

Con i movimenti compiuti fra ieri e oggi tutte le emissioni hanno raggiunto livelli così detti trigger. L’impressione è che il grosso del movimento sia stato fatto, ma per la maggior parte degli investitori potrebbe essere l’occasione di portare il prezzo medio di carico verso aree più favorevoli e speculare su una ristrutturazione del debito di Caracas

Obbligazioni corporate italiane: il punto sulle emissioni di gennaio 2019

Pubblicato il 23 gennaio 2019 alle 10:24

Fra le emissioni corporate italiane avvenute in queste prime settimane del 2018 le più importanti sono senz’altro quelle firmate da Tim, Unicredit e Generali. Nonostante l’assenza della BCE nel ruolo di compratore forte, le indicazioni giunte dal mercato non sono state così negative

Crisi Astaldi: il cavaliere bianco è davvero Salini Impregilo?

Pubblicato il 15 dicembre 2018 alle 08:55

L’ipotesi suggerita dalla cordata composta da Salini, CDP e banche creditrici pronti a mantenere l’italianità di Astaldi è suggestiva, ma il rischio di creare un gigante dai piedi d’argilla c’è ed è concreto. Vediamo perché

|