Ita Airways

ITA Airways, Italia Trasporto Aereo S.p.A., è la società di volo italiana nata dalle ceneri della ormai ex Alitalia, compagnia di bandiera nazionale.

La newco si presenta come una società partecipata al 100% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, con lo scopo di esercitare l’attività nel settore del trasporto aereo. Alfredo Altavilla è il presidente esecutivo di Ita Airways e Fabio Lazzerini ricopre il ruolo di Chief Executive Officer.

Attiva da novembre 2020, la nuova compagnia italiana ha iniziato le operazioni di volo il 15 ottobre 2021. Il giorno precedente, il 14 ottobre, ITA Airways ha acquistato il brand Alitalia per 90 milioni di euro.

La società ha cominciato le sue operazioni di trasporto con una flotta di 52 aerei, con l’obiettivo di aumentare la quantità di aeromobili di ultima generazione fino al 2025, quando si prevede una dotazione di 105 velivoli.

I voli ITA si concentrano sull’hub di Roma Fiumicino e sull’aeroporto di Milano Linate, con 47 destinazioni a novembre 2021. Si stima un incremento di rotte a lungo raggio entro il 2025.

Ita Airways, ultimi articoli su Money.it

Chi compra Ita Airways? Le offerte al vaglio del Mef

Violetta Silvestri

25 Maggio 2022 - 15:27

Chi compra Ita Airways? Le offerte al vaglio del Mef

La questione della privatizzazione di Ita Airways si avvicina a una conclusione. Il Mef, infatti, ha iniziato la valutazione delle due offerte per la compagnia volo italiana: cosa prevedono?

Ita Airways: un primo bilancio tra luci e ombre

Violetta Silvestri

13 Gennaio 2022 - 10:28

Ita Airways: un primo bilancio tra luci e ombre

Ita Airways ha preso il posto di Alitalia dal 15 ottobre: quale bilancio a due mesi e mezzo dal decollo? I primi numeri su ricavi e voli sono stati presentati alla commissione Trasporti della Camera.

Ita decolla, ma ha bisogno di una svolta entro il 2022

Violetta Silvestri

16 Ottobre 2021 - 12:40

Ita decolla, ma ha bisogno di una svolta entro il 2022

Ita decolla e Alitalia è archiviata, ma sul tavolo della nuova compagnia ci sono i nodi da sciogliere per essere competitiva. Entro il 2022 c’è bisogno di una svolta, secondo i vertici.