Ucraina, alto rischio di un incidente nucleare: “Violato ogni principio di sicurezza”

Alessandro Cipolla

4 Agosto 2022 - 08:27

condividi

Per l’Aiea in Ucraina la centrale nucleare di Zaporizhzhia sarebbe completamente fuori controllo: da quando è finita in mano ai russi è lo scenario di duri combattimenti.

Ucraina, alto rischio di un incidente nucleare: “Violato ogni principio di sicurezza”

La guerra in Ucraina va avanti e si torna a temere per la situazione nella centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa che da quando lo scorso marzo è finita in mano ai russi è costantemente lo scenario di duri scontri tra i due eserciti.

La più grande centrale nucleare d’Europa è completamente fuori controllo - ha dichiarato il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica Rafael Grossi - Ogni principio di sicurezza nucleare è stato violato”.

Secondo Grossi “affinché qualsiasi impianto nucleare possa funzionare normalmente e in modo sicuro, ci sono una serie di principi e norme che devono essere rispettati", di conseguenza quando guardiamo alla situazione molto particolare che abbiamo a Zaporizhzhia “vediamo che la maggior parte di essi, se non tutti, sono stati violati”.

Visto che la centrale nucleare non sta ricevendo più attrezzature e pezzi di ricambio, l’Aiea vorrebbe ispezionare il sito per “eseguire una valutazione di sicurezza, per fare le riparazioni e per fornire assistenza come abbiamo già fatto a Chernobyl”.

Anche in questo caso però Russia e Ucraina continuano a rimpallarsi le responsabilità, con i colpi di artiglieria che continuano a lambire la centrale di Zaporizhzhia che, se danneggiata, potrebbe generare una catastrofe nucleare sei volte peggiore di quella di Chernobyl.

La paura di un incidente nucleare in Ucraina

Come di recente hanno riportato alcune agenzie, nel perimetro della centrale nucleare di Zaporizhzhia vi sarebbero almeno 500 soldati russi in una situazione di estrema tensione. Nel sito invece starebbe continuando a lavorare del personale ucraino e non mancherebbero denunce di violenze e minacce.

Nelle ultime settimane sono aumentati gli scontri nelle vicinanze della centrale nucleare. Kiev infatti è convinta che la Russia starebbe usando il sito di Zaporizhzhia come deposito di armi e missili, che poi vengono utilizzati per i bombardamenti nella zona.

La centrale così è sorvolata di continuo dai missili sparati dagli ucraini, che nell’Oblast di Zaporizhzhia stanno cercando di colpire i depositi di armi dei russi nel tentativo di ricacciare indietro le truppe di Mosca da questo strategico territorio situato nella zona Sud-Est del Paese.

L’esercito russo però avrebbe trasformato la centrale nucleare in una sorta di fortino militare, mantenendo così il controllo del sito che da solo produce un quinto del totale dell’energia utilizzata in Ucraina.

La denuncia dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica però è chiara: a Zaporizhzhia c’è il forte rischio di un incidente nucleare, come se l’incubo di una guerra che possa trasformarsi in atomica o mondiale non fossa già abbastanza angosciante.

Argomenti