Tesla sta perdendo terreno: queste le previsioni del Ceo Volkswagen

Marco Lasala

01/07/2022

01/07/2022 - 17:43

condividi

Secondo Herbert Diess, Ceo del Gruppo Volkswagen, entro il 2025 il gap con Tesla sarà colmato, l’espansione e la creazione di nuove fabbriche sta penalizzando il marchio americano.

Tesla, il marchio americano punto di riferimento nel settore della mobilità elettrica, starebbe perdendo terreno. Secondo le ultime dichiarazioni di Herbert Diess, Ceo del Gruppo Volkswagen, il gap nei confronti del brand made in Usa potrebbe essere colmato entro il 2025.

Il Gruppo Volkswagen continua a crescere in termini di volumi e posizionamento. In Cina e Germania la sua quota di mercato nel segmento delle auto elettriche è consistente, il gap con Tesla sarà completamente annullato entro il 2025.

Herbert Diess CEO Volkswagen ha dichiarato: «Elon ha il compito di avviare due fabbriche contemporaneamente e molto complesse come quelle di Austin e di Gruenheide (Berlino), oltre all’espansione della fabbrica di Shanghai. Sarà un periodo difficile per lui».

Dichiarazioni che in realtà non hanno molto senso perché nonostante il successo in Europa della nuova ID.3, Tesla è ancora tra i primi produttori mondiali di auto elettriche.

Tesla apre due nuove fabbriche in Texas e Germania

In un periodo difficile per l’economia e soprattutto per il mercato dell’auto, il marchio americano continua a espandersi, nonostante diversi colpi duri ricevuti non solo dal lockdown, con conseguente crollo delle vendite, ma anche per via della crisi dei semiconduttori, materiale fondamentale nella produzione di un’auto elettrica.

La produzione è ai minimi storici e non per mancanza di ordini ma per via della scarsità delle batterie, Tesla monta quelle tipo 4680.

Volkswagen punta alla leadership nel mercato delle auto elettriche

Leggendo i dati del primo quadrimestre di quest’anno, la quota di Tesla sul mercato americano è del 75%; nel solo 2021, in Cina, sono stati consegnati 453.000 veicoli Volkswagen contro i 936.000 Tesla.

Argomenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it