La sterlina crolla: è il suo giorno peggiore del 2021, i motivi

Violetta Silvestri

29/09/2021

01/10/2021 - 10:18

condividi

Sterlina sotto pressione: la moneta segna il minimo del 2021. Cosa sta spingendo al ribasso la coppia GBP/USD? Tutti i motivi della debolezza e del dollaro più forte.

La sterlina crolla: è il suo giorno peggiore del 2021, i motivi

Il cambio sterlina dollaro sta combattendo intorno al livello di 1,3500, il più basso da gennaio 2021.

L’atmosfera negativa generale rende il dollaro USA sempre più richiesto come bene rifugio. Inoltre, inflazione in aumento, Brexit e preoccupazioni per la fornitura di carburante pesano sulla valuta del Regno Unito.

Perché è il giorno peggiore per la sterlina? Vediamo i motivi della pessima performance.

GBP/USD al livello più basso del 2021

Alle ore 15.00 circa la coppia GBP/USD tocca 1,3464, il livello minimo di tutto l’anno in corso. A inizio gennaio 2021, la valuta del Regno Unito aveva scambiato a 1,3514.

I problemi relativi all’uscita della nazione inglese dall’UE sono stati gli ultimi a colpire la coppia, unendosi a una lunga lista di fattori che probabilmente continuerà a spingere il cambio al ribasso.

Innanzitutto, il segnale della Federal Reserve di ridurre il suo schema di acquisto di debito ha innescato una svendita di obbligazioni. Il risultato sono rendimenti più elevati sul debito americano (in ridimensionamento rispetto al selloff di ieri), che spingono il dollaro al rialzo.

Poi c’è la corsa al rifornimento di benzina in Regno Unito. L’esercito britannico è pronto a fornire carburante alle stazioni poiché la carenza di camionisti sta mettendo in crisi il normale scarico di carburante.

Gli appelli del Governo per evitare il panico hanno portato all’effetto contrario, con lunghe file di automobilisti che si sono formate alle stazioni di servizio. I problemi relativi al trasporto e alle forniture potrebbero pesare sulla ripresa e far deragliare l’economia.

Gli strascichi della Brexit, di fatto, continuano a impattare negativamente sulla nazione. Il Regno Unito e la Francia stanno di nuovo litigando per i diritti di pesca nella Manica e la stessa mancanza di camionisti per trasportare merci è legata all’uscita dall’UE.

Infine, il 18 ottobre è la data in cui gli Stati Uniti raggiungeranno il limite del debito e potrebbero potenzialmente mancare i pagamenti agli obbligazionisti. Il Senato, infatti, non ha trovato un accordo per approvare la sospensione o l’aumento del limite di debito, che consentirebbe al Governo Federale di adempiere ai pagamenti dovuti. Anche questo fattore, unito al tapering annunciato dalla Fed, alimenta l’acquisto del dollaro.

La sterlina sta perdendo credibilità?

La peggiore sessione della sterlina in un anno ha spinto gli analisti ancora una volta a equiparare le sue oscillazioni con valute come il peso messicano o il rand sudafricano, piuttosto che con il dollaro o l’euro.

I paralleli con i mercati in via di sviluppo sono stati tracciati per la prima volta durante la tortuosa uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Stanno tornando alla ribalta dopo che la possibilità di aumenti anticipati dei tassi da parte della Banca d’Inghilterra non è riuscita ad arginare la caduta della sterlina questa settimana.

Mentre gli analisti di BofA hanno suggerito che la valuta potrebbe trovare un nuovo equilibrio nella quotazione a fine trimestre, alcuni strateghi sono arrivati ​​al punto di mettere in dubbio il suo status di valuta di importanza mondiale.

La sterlina sta perdendo la sua credibilità in termini di inflazione, ha affermato Jordan Rochester di Nomura. “La preoccupazione per gli investitori macro è se la sterlina possa diventare un asset davvero imprevedibile.”

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.