Snam: doppio accordo con Eni e Api per nuovi impianti di metano

Snam ha siglato accordi con Api ed Eni che porteranno alla nascita di 220 impianti di rifornimento gas naturale e biometano

Snam: doppio accordo con Eni e Api per nuovi impianti di metano

Snam ha firmato un doppio accordo con Eni ed Api, che darà vita a un numero complessivo di 220 nuovi impianti di rifornimento di gas naturale e biometano sul territorio italiano.

Le stazioni, che sorgeranno su autostrade e strade statali, possono essere viste come un nuovo passo della società di San Donato Milanese in direzione delle basse emissioni.
L’azienda è reduce dai suoi solidi conti semestrali, che hanno fatto registrare una crescita di tutti gli indicatori principali.

Snam-Eni-Api: l’accordo per nuove stazioni di rifornimento gas

Sono due accordi separati quelli che porteranno alla nascita, a inizio 2019, dei primi impianti di rifornimento di gas naturale liquefatto e di biometano, sui 200 stabiliti su tutto il territorio italiano.

Snam ed Api hanno infatti siglato un programma che darà vita alle nuove realtà, mentre resta ancora in fase di verifica la possibile realizzazione di stazioni per gas metano liquefatto, utile ai mezzi pesanti.

Eni e Snam hanno invece concordato la realizzazione di 20 nuovi punti di rifornimento di gas naturale compresso per autotrazione in distributori Eni, a solo pochi mesi dall’accordo che prevede la nascita di 14 impianti di gas naturale compresso (CNG).

Con un investimento complessivo di 10 milioni di euro, l’azienda leader della distribuzione di gas naturale nel Belpaese garantirà quindi agli automobilisti gas naturale compresso e gas naturale liquido, mentre le stazioni realizzate con Eni vedranno sorgere punti per il rifornimento di gas naturale.

Secondo recenti stime, l’Italia è infatti il maggior consumatore europeo di gas naturale per autotrazione, e conta più di un milione di veicoli a gas naturale liquefatto in circolazione.

La mossa - precisa Snam tramite un comunicato - rientra tra le iniziative di Snam4Mobility (società controllata) per promuovere la mobilità sostenibile nel Paese, “a beneficio dell’ambiente e dei consumatori”:

“La società si rivolge in particolare agli operatori del settore per supportare lo sviluppo degli impianti di rifornimento di gas naturale e biometano e una loro maggiore diffusione nelle diverse regioni italiane, migliorando anche la qualità del servizio di erogazione agli utenti. La mobilità a gas naturale è una delle migliori tecnologie disponibili per abbattere le emissioni inquinanti, a beneficio della qualità dell’aria”.

Intanto le azioni Snam viaggiano in rialzo dello 0,4% circa a quota 3,794 euro, così come quelle Eni, che fanno registrare un +0,3% a 16,66 euro.

Iscriviti alla newsletter

Argomenti:

Italia Snam S.p.A. ENI

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.