Snam aumenta utili e ricavi nel semestre: focus anche sugli stoccaggi gas

Violetta Silvestri

27/07/2022

27/07/2022 - 15:40

condividi

Azioni Snam in aumento a Piazza Affari: sono stati svelati i conti del primo semestre 2022. La società leader nelle infrastrutture energetiche ha riportato un utile netto in crescita. I dettagli.

Snam aumenta utili e ricavi nel semestre: focus anche sugli stoccaggi gas

Azioni Snam in rialzo alla luce dei conti del primo semestre 2022.

La società leader nelle infrastrutture energetiche e nei servizi integrati, con un ruolo cruciale nello stoccaggio del gas per il Paese, ha riportato ricavi totali e un utile netto adjusted in aumento rispetto all’anno precedente.

“I risultati del primo semestre confermano la solidità del nostro core business, la positiva performance operativa e la crescita del contributo dei nuovi business e delle società partecipate,” ha commentato Stefano Venier, Amministratore Delegato. Nel contesto geopolitico attuale, ha continuato l’ad, nel quale l’energia ha assunto l’indiscusso ruolo di protagonista dell’economia e delle relazioni diplomatiche nel mondo, Snam è emersa come società perno per gli approvvigionamenti in Italia e in Europa.

Le azioni Snam scambiano a 4,89 euro con un guadagno dello 0,35% alle ore 15.18 circa.

Snam: nel primo semestre utile e ricavi positivi

I risultati finanziari del periodo gennaio-giugno 2022 hanno mostrato una performance soddisfacente.

Nel dettaglio, questi i principali dati della semestrale:

  • Ricavi totali: 1.595 milioni di euro, +9,7% rispetto al primo semestre 2021;
  • Margine operativo lordo adjusted (EBITDA adjusted): 1.155 milioni di euro, in linea rispetto al primo semestre 2021;
  • Utile netto adjusted di gruppo: 646 milioni di euro, +1,7% rispetto al primo semestre 2021, grazie anche alla positiva performance delle società partecipate;
  • Indebitamento finanziario netto: 12.822 milioni di euro, al 31 dicembre 2021 erano 14.021 milioni di euro

Sull’attività specifica dell’azienda, il comunicato sottolinea che, sempre nel periodo in esame:

la domanda di gas è risultata pari a 38,78 miliardi di metri cubi, in riduzione di 0,11 miliardi di metri cubi (-0,3%) rispetto al corrispondente valore del primo semestre 2021 (38,89 miliardi di metri cubi), in linea con il trend di rafforzamento delle misure di efficientamento energetico;

nel primo semestre 2022 sono stati immessi nella rete nazionale di trasporto 39,11 miliardi di metri cubi, in aumento rispetto al primo semestre 2021 (+0,60 miliardi di metri cubi; +1,6%) per effetto dei maggiori volumi immessi destinati alle esportazioni, in particolare al punto di ingresso di Tarvisio;

a partire dal mese di aprile 2022 si è registrato un incremento dei volumi rigassificati da Gnl Italia e un conseguente aumento delle discariche di navi effettuate rispetto al primo trimestre 2022, che aveva risentito della dinamica dei prezzi e, in particolare, del maggiore afflusso di gas liquefatto algerino verso Francia e Spagna rispetto all’Italia;

la capacità complessiva di stoccaggio gestita dal gruppo Snam al 30 giugno 2022, comprensiva dello stoccaggio strategico, risulta pari a 16,5 miliardi di metri cubi, la più elevata in Europa...Alla data del 25 luglio 2022 Snam...ha provveduto ad acquistare e immettere in stoccaggio circa 2 miliardi di metri cubi di gas, di cui circa 760 milioni di metri cubi per il funzionamento dell’infrastruttura, portando la percentuale di riempimento a circa il 71% della capacità complessiva.

L’ad Venier ha ricordato che:

“In questi mesi, abbiamo supportato la strategia energetica del Paese favorendo il riempimento degli stoccaggi con l’acquisto di circa 2 miliardi di metri cubi di gas e assicurandoci due nuove unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione. Siamo anche impegnati ad abilitare la transizione energetica, come dimostrano il nostro supporto alla quotazione di De Nora, la principale IPO europea del secondo trimestre, e le nuove iniziative nel biometano, nell’efficienza energetica e nella cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica”

Per quanto riguarda guidance sull’utile netto 2022 si stima un aumento di almeno 1,13 miliardi di euro, soprattutto spinto dai buoni risultati realizzati dalle associate, assumendo la stabilità del contributo delle consociate austriache.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.