Slancio del petrolio: quanto durerà tra offerta stretta e rischi recessione?

Violetta Silvestri

18 Ottobre 2022 - 08:33

Prezzi del petrolio in rialzo: quanto può davvero durare la spinta del greggio? Tra l’offerta limitata e lo scenario di una debole domanda a causa della recessione, il mercato petrolifero oscilla.

Slancio del petrolio: quanto durerà tra offerta stretta e rischi recessione?

Il petrolio sale dopo la sessione instabile di lunedì, con gli investitori in attenta valutazione dei segnali di un mercato teso e delle preoccupazioni per un rallentamento economico globale.

Nelle negoziazioni di oggi, 18 ottobre, i prezzi del greggio sono in aumento, sostenuti dall’indebolimento del dollaro Usa e dai problemi di fornitura, sebbene i guadagni siano stati limitati dallo spettro di una minore domanda di carburante dalla Cina, che persiste con la sua rigorosa politica zero-Covid.

Alle ore 8.15 circa, il Brent scambia a 92,35 dollari al barile, con un rialzo dello 0,80% e i contratti WTI salgono dello 0,85% a 85,25 dollari al barile.

Da evidenziare, il petrolio ha perso circa un terzo del suo valore dall’inizio di giugno, cancellando tutti i guadagni ottenuti dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Le sanzioni dell’Unione Europea nei confronti della Russia entreranno in vigore da dicembre, spingendo i commercianti e le raffinerie a prenotare serbatoi di stoccaggio in previsione di una crisi dell’offerta.

Tutti i fattori chiave dei prezzi del petrolio, ora in aumento

Lo slancio del petrolio di stamane si inserisce in un contesto macroeconomico globale complesso.

Innanzitutto, l’indice del dollaro Usa - che misura il biglietto verde rispetto a sei principali valute, inclusa la sterlina - è sceso vicino al minimo di una settimana e mezza quando l’inversione di marcia della Gran Bretagna su un controverso «mini-budget» di taglio delle tasse ha sollevato la propensione al rischio. Un dollaro più debole rende il petrolio più conveniente per gli acquirenti non statunitensi.

Inoltre, in seguito al forte taglio della produzione concordato dall’OPEC+ - l’Organizzazione dei paesi produttori di esportazione (OPEC) e dai suoi alleati, inclusa la Russia - all’inizio di questo mese, gli investitori sono stati visti aumentare le loro posizioni lunghe nei futures, hanno affermato in una nota gli analisti di ANZ Research.

Nel frattempo, le aspettative che la Cina manterrà una politica monetaria accomodante per aiutare la sua economia, zoppicante dalle restrizioni del Covid, ha fornito un certo sostegno ai prezzi del petrolio. Tuttavia, le prospettive della domanda di carburante cinese debole hanno pesato sul sentiment, dopo che il principale importatore mondiale di petrolio greggio ha ritardato il rilascio dei suoi indicatori economici, originariamente previsti per martedì, ha affermato l’analista di CMC Markets Tina Teng. Non è stata fornita alcuna data per un rilascio riprogrammato.

L’adesione della Cina alla sua politica zero-Covid ha continuato ad aumentare le incertezze sulla crescita economica del paese, ha aggiunto Teng.

Gli Stati Uniti si stanno muovendo verso il rilascio di altri 10-15 milioni di barili di petrolio dalle scorte di emergenza della nazione nel tentativo di bilanciare i mercati e impedire che i prezzi della benzina salgano ulteriormente, secondo persone che hanno familiarità con la questione.

“Il mercato è in qualche modo nel limbo al momento, con un contesto macroeconomico negativo e una prospettiva di offerta più ristretta”, ha affermato Warren Patterson, responsabile della strategia delle materie prime di ING Groep NV. “Al momento, sospetto che il mercato sia più preoccupato per le implicazioni che un rallentamento avrà sulla domanda.”

Sul lato dell’offerta, si stima che le scorte Usa siano aumentate di 1,6 milioni di barili nella settimana fino al 14 ottobre, secondo un sondaggio preliminare di Reuters mostrato lunedì.

Si prevede che la produzione nel bacino del Permiano del Texas e del New Mexico, il più grande bacino petrolifero di scisto degli Stati Uniti, aumenterà di circa 50.000 barili al giorno (bpd) a un record di 5,453 milioni di bpd questo mese, ha affermato l’Energy Information Administration.

Argomenti

# Brent
# WTI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo