Accesso servizi INAIL online: cambia dal 1° marzo con SPID, CIE o CNS. Ecco per chi

Teresa Maddonni

12 Febbraio 2021 - 14:12

condividi

L’accesso ai servizi di online di INAIL cambia dal 1° marzo 2021, dopo la prima fase avviata il 1° dicembre scorso. Dal 28 febbraio non verranno più rilasciate le credenziali, ma si potrà accedere solo con SPID, CIE o CNS. Vediamo quali sono le istruzioni nella circolare dell’Istituto per le varie categorie di utenti e tutte le fasi della transizione.

Accesso servizi INAIL online: cambia dal 1° marzo con SPID, CIE o CNS. Ecco per chi

L’accesso ai servizi online INAIL cambia dal 1° marzo 2021 per gli utenti registrati nel profilo Amministrazioni statali in gestione per conto dello Stato. L’accesso ai servizi online INAIL, anche per tutti coloro che accedono per la prima volta, sarà possibile da quella data solo con SPID, CIE o CNS.

Dal 28 febbraio inoltre INAIL per l’accesso ai servizi online non rilascerà più nuove credenziali.

Il 1° dicembre 2020 lo stesso passaggio era avvenuto per gli Istituti di patronato e assistenza sociale e altre categorie specifiche che da quella data devono accreditarsi con SPID, CIE o CNS ai servizi online INAIL.

INAIL ha fornito le istruzioni per l’accesso nella circolare n.36 del 19 ottobre 2020 con tutte le date della transizione dalle vecchie credenziali alle nuove con SPID, CIE e CNS come sta avvenendo d’altronde per tutte le amministrazioni pubbliche.

Ricordiamo infatti che anche per il sito INPS o per la piattaforma NoiPA l’accesso ai servizi online cambia con le nuove regole.

Vediamo nel dettaglio tutte le indicazioni fornite con la circolare del 19 ottobre da INAIL, cosa cambia dal 28 febbraio, i dettagli su chi non dovrà accedere ai servizi INAIL con SPID, CIE e CNS dal 1° marzo e quali sono le altre date del calendario per la transizione, fase che si concluderà in via definitiva per tutta la PA il 30 settembre 2021.

Accesso servizi INAIL: cambia dal 1° marzo

L’accesso ai servizi INAIL cambia dal 1° marzo, per gli utenti registrati nel profilo Amministrazioni statali in gestione per conto dello Stato, sia che richiedono per la prima volta l’abilitazione sia che siano già in possesso di credenziali INAIL, i quali non potranno più operare con le credenziali già rilasciate ma devono accedere ai servizi online tramite SPID, CIE o CNS.

Questo è quello che si legge nel comunicato di INAIL e ancor prima nella circolare di ottobre. Come indicata nella stessa si tratta della terza fase per la transizione.

Comunica INAIL sempre nella circolare che proprio in base all’andamento del piano di transizione, l’Istituto si riserva la possibilità d’individuare nel mese di maggio 2021 una o più ulteriori fasi che riguarderanno altre categorie di utenti.

Queste altre categorie utenti - non individuati nelle Amministrazioni di cui sopra o nei patronati e già in possesso di credenziali INAIL - possono accedere con le stesse fino alla data ulteriore che verrà comunicata dall’Istituto.

La fase di transizione sarà completa il 30 settembre 2021 pertanto dal 1° ottobre 2021 sarà operativo esclusivamente l’accesso online ai servizi INAIL con SPID, CIE e CNS per tutti gli utenti.

Accesso servizi INAIL: la data del 28 febbraio

L’accesso ai servizi di INAIL online dal 1° dicembre 2020 è cambiato invece per i patronati e altri soggetti. La transizione di tutti gli utenti al Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), alla Carta Nazionale dei Servizi (CNS) e alla Carta di Identità elettronica (CIE) deve avvenire entro il 28 febbraio 2021 (decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82).

Alla data del 28 febbraio è fatto divieto alle pubbliche amministrazioni di rilasciare o rinnovare credenziali per l’identificazione e l’accesso dei cittadini ai propri servizi in rete, diverse dalle tre sopra elencate, fermo restando l’utilizzo di quelle già rilasciate fino alla loro naturale scadenza e, comunque, non oltre il 30 settembre 2021 come il decreto Semplificazioni, convertito in legge, dispone.

Al fine di rispettare queste scadenze INAIL ha pensato a un piano entro il quale tutti possano dotarsi delle nuove credenziali di accesso ai servizi online dell’Istituto. INAIL prevede diverse fasi per categorie di utenti. I primi a procedere sono stati gli Istituti di patronato e assistenza sociale o anche i soggetti registrati nei seguenti profili:

  • Agronomi e dottori forestali;
  • Agrotecnici e agrotecnici laureati;
  • Avvocati;
  • CAF imprese;
  • Centro servizi per il volontariato;
  • Consorzi Società Cooperative;
  • Consulenti del lavoro;
  • Dottore commercialista ed esperti contabili;
  • Periti agrari e periti agrari laureati;
  • Raccomandatari marittimi;
  • Servizi di associazione - Non società;
  • Servizi di associazione – Società;
  • Società capogruppo;
  • Società tra professionisti (STP);
  • Tributaristi, revisori e altri professionisti per imprese senza dipendenti.

Dal 1° dicembre 2020 questi utenti e i loro delegati, compresi i Patronati zonali delegati dai Patronati nazionali possono accedere ai servizi in rete e online dell’INAIL esclusivamente tramite SPID, CIE e CNS.

Accesso servizi INAIL con SPID, CIE E CNS: tutte le scadenze

INAIL fornisce con la circolare anche tutte le scadenze del piano per l’accesso ai servizi online che per chiarezza riepiloghiamo di seguito:

  • dal 28 febbraio 2021 non saranno più rilasciate nuove credenziali INAIL a nessuna categoria di utenti;
  • per i soggetti già registrati e non appartenenti alle categorie che abbiamo indicato nel precedente paragrafo (fase 1 del 1° dicembre), rimarranno valide le credenziali precedentemente rilasciate fino a nuova data stabilita da INAIL e comunque non oltre il termine del 30 settembre 2021;
  • dal 1° marzo 2021 (terza fase) gli utenti registrati nel profilo Amministrazioni statali in gestione per conto dello Stato, sia nuovi che già registrati, dovranno accedere ai servizi in rete e online dell’INAIL esclusivamente tramite SPID, CIE e CNS;
  • per il mese di maggio 2021 potrebbe essere individuata una nuova scadenza per altre categorie che non rientrano tra le precedenti già in possesso, prima della data del 28 febbraio 2021, delle tradizionali credenziali rilasciate da INAIL.
Circolare n.36 del 19 ottobre 2020.pdf
Accesso ai servizi in rete dell’INAIL esclusivamente tramite le identità digitali SPID, CIE, CNS. Piano di progressiva transizione. Prima fase riguardante gli intermediari e gli Istituti di patronato.

Argomenti

# INAIL
# SPID

Iscriviti a Money.it