Semafori con countdown obbligatori, la novità del Codice della strada: da quando e come funzionano

Luna Luciano

12/09/2022

12/09/2022 - 10:29

condividi

Novità per ciclisti, pedoni e automobilisti: il Codice della strada prevede l’istallazione obbligatoria dei nuovi semafori con countdown. Ecco da quando, cosa cambia e come funzionano.

Semafori con countdown obbligatori, la novità del Codice della strada: da quando e come funzionano

Nuovi semafori con il countdown per aumentare la sicurezza stradale. È questa l’ultima novità del Codice della Strada che rende obbligatoria la dotazione del sistema con il conto alla rovescia, grazie nuovo decreto firmato dal ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini.

Le continue modifiche al codice stradale sono indice di norme che si evolvono e si fanno sempre più stringenti per garantire la sicurezza di automobilisti, pedoni e ciclisti.

Supportando una mobilità sostenibile ed etica, sempre più persone infatti preferiscono lo spostamento non solo con mezzi di trasporto, ma anche con bici, monopattini elettrici o più semplicemente muovendosi a piedi, se le distanze lo consentono. E capita sempre più spesso assistere a scene in cui pedoni o ciclisti rimproverano gli automobilisti per non aver rispettato il semaforo e viceversa.

Con l’introduzione dei nuovi semafori, invece, questo non sarà più possibile. Ecco tutto quello che c’è da sapere: come funzionano, quali sono i vantaggi e quando saranno installati.

Codice della Strada, semafori con countdown obbligatori: ecco da quando

Alcuni semafori con il countdown sono in realtà già presenti in Italia in via sperimentale grazie al decreto del 27 aprile 2017, semafori, valido sia per i pedoni che per le automobili.

Con l’approvazione del nuovo decreto attuativo del ministero dei Trasporti, è quindi prevista l’omologazione e l’installazione dei “dispositivi countdown”, grazie ai quali è possibile vedere il tempo rimanente della luce del semaforo, con lo scopo di garantire una maggior sicurezza stradale per conducenti, pedoni e ciclisti.

Se alcuni semafori sono quindi già stati installati, entro pochi anni (almeno un paio) tutti i semafori della penisola dovranno essere dotati di questo sistema. Inoltre, stando a quanto si apprende dal decreto i contatori digitali dovranno essere posizionati nei punti di attraversamento pedonale e ciclabile o alla presenza di incroci.

Codice della Strada, semafori con countdown obbligatori: come funzionano?

Per quanto possa essere intuitivo capire come funzioneranno i nuovi semafori con il countdown, guardando agli aspetti pratici è quanto mai apprezzabile sapere che nel momento in cui ci troveremo ad attraversare la strada vedremo i secondi rimanenti allo spegnimento del verde e del rosso.

In questo modo sarà più semplice per pedoni e conducenti calcolare il tempo che si possiede a disposizione per poter attraversare, capendo se affrettare il passo o se attendere il prossimo semaforo verde per poter percorrere in sicurezza la strada.

A questo punto, dopo la firma del decreto attuativo del ministero dei Trasporti, spetterà alle amministrazioni comunali provvedere all’aggiornamento dei semafori esistenti e/o all’installazione di quelli nuovi.

Codice della Strada, semafori con countdown: quali sono i vantaggi

L’obiettivo dei nuovi semafori è quello di aumentare la sicurezza stradale. Stando infatti ai dati emersi da un’analisi dell’Asaps (Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale), solo nel 2020 sono state registrate circa 240 morti di pedoni mentre attraversavano la strada, un numero che aumenta se all’interno dell’analisi si inseriscono anche i pedoni sopravvissuti ma finiti in rianimazione, o i pedoni che a causa dell’incidente hanno subito danni permanenti.

Sempre secondo i dati in almeno 16 casi il conducente era ubriaco, senza dimenticare che sempre più incidenti sono favoriti a causa dell’utilizzo del cellulare alla guida.

L’istallazione dei nuovi semafori countdown dovrebbe quindi rassicurare ciclisti, pedoni e persone a bordo dei monopattini elettrici, i quali potranno d’ora in poi camminare più tranquilli per strada.

Iscriviti a Money.it