Scadenze Pos: più tempo per inviare i dati all’Agenzia delle Entrate

Nadia Pascale

5 Settembre 2022 - 15:32

condividi

L’Agenzia delle Entrate ha fissato nuovi termini per le comunicazioni delle transazioni effettuate tramite strumenti di pagamento elettronico. Ecco le scadenze Pos aggiornate

Scadenze Pos: più tempo per inviare i dati all'Agenzia delle Entrate

Gli operatori che mettono a disposizione degli esercenti gli strumenti di pagamento elettronico, e in particolare il Pos, devono periodicamente inviare all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle transazioni eseguite. In seguito a numerose segnalazioni inerenti le difficoltà tecniche affrontate nella trasmissione dei dati, da parte degli operatori interessati, l’Agenzia delle Entrate il 2 settembre, con il Provvedimento 340401, ha proceduto a modificare le scadenze Pos. Ecco quali sono i termini per effettuare le comunicazioni dei dati.

Scadenze Pos: fissati i nuovi termini per la trasmissione dei dati

Il decreto legge 26 ottobre 2019, n. 124, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157, all’articolo 22, comma 5, prevede l’obbligo per gli operatori che mettono a disposizione gli strumenti di pagamento elettronico, Pos, di comunicare telematicamente, anche attraverso il sistema PagoPA, i dati identificativi degli strumenti e l’ammontare delle transazioni eseguite.

I termini delle scadenze Pos erano stati inizialmente indicati con il Provvedimento 253155 del 30 giugno 2022. Il provvedimento indicava che:

  • per le transazioni contabilizzate dal 1° settembre 2022, la comunicazione dovesse essere effettuata dai prestatori di servizi di pagamento entro il 5 settembre 2022;
  • per le transazioni contabilizzate nel periodo dal 1° gennaio al 31 agosto 2022, la comunicazione dovesse avvenire entro il 31 ottobre 2022.
Provvedimento 340401
Provvedimento 340401

Con il Provvedimento 340401 del giorno 2 settembre 2022 sono invece stati riconosciuti nuovi termini posticipati. I termini che è bene conoscere riguardano le prime trasmissioni dei dati. Le nuove scadenze Pos sono:

  • a far data dal 5 settembre e fino al 15 ottobre p.v. per le operazioni contabilizzate dal 1° settembre;
  • al 30 novembre per la trasmissione delle informazioni relative alle transazioni contabilizzate nel periodo dal 1° gennaio al 31 agosto 2022.

Il provvedimento del mese di giugno al punto 3.2 prevedeva che, una volta entrato a regime il sistema di comunicazione dei dati delle transazioni, il termine ordinario per la trasmissione dei dati dei pagamenti effettuati presso gli esercenti, con carte a valere sui circuiti PagoBANCOMAT® e BANCOMAT Pay®, dovesse avvenire entro il secondo giorno lavorativo successivo alla data di contabilizzazione della transazione. Questo termine è stato modificato con il provvedimento del 2 settembre e ora la scadenza è posticipata al terzo giorno.

Quali dati devono essere trasmessi all’Agenzia delle Entrate?

Il Provvedimento 253155 specifica anche tutti i dati che gli operatori sono tenuti a trasmettere.

I dati da trasmettere sono:

  • il codice fiscale e, se disponibile, la partita Iva dell’esercente convenzionato e il codice univoco a lui assegnato;
  • il codice Abi o il codice fiscale del prestatore di servizi di pagamento obbligato alla trasmissione;
  • il codice identificativo assegnato all’operatore che trasmette le informazioni da pagoPA;
  • l’identificativo univoco dello strumento di pagamento utilizzato per le transazioni (Il codice del Pos);
  • la tipologia di operazione (pagamento o storno di pagamento);
  • la data contabile delle operazioni;
  • la data della trasmissione dei dati;
  • l’importo complessivo giornaliero delle transazioni elettroniche effettuate dall’esercente;
  • il numero giornaliero delle transazioni elettroniche effettuate dall’esercente.
Provvedimento 253155
Provvedimento 253155

Iscriviti a Money.it