Sagre, si parte dal 15 giugno in tutta Italia: ecco le regole

Isabella Policarpio

16/06/2021

16/06/2021 - 10:00

condividi

Ripartono le sagre agroalimentari: dal 15 giugno possono svolgersi in zona gialla e bianca secondo i protocolli nazionali. Ecco le misure da rispettare.

Sagre, si parte dal 15 giugno in tutta Italia: ecco le regole

Per le sagre il 15 giugno segna una data importante: la ripartenza del settore dopo un lunghissimo stop, insieme alle fiere e alle cerimonie civili e religiose (in primis i matrimoni). Per convegni e congressi, invece, si dovrà aspettare il 1° luglio.

Nelle Regioni della zona bianca e gialla possono riprendere le tradizionali sagre agroalimentari nel rispetto, però, dei protocolli di sicurezza stabiliti dal Governo nel decreto legge n. 65 del 18 maggio: mascherina, distanza di sicurezza, contingentamento degli ingressi e particolare attenzione all’igienizzazione degli ambienti sono alcune delle indicazioni per partecipare.

Vediamo le regole in vigore su green pass, obbligo di tampone/vaccino e altre indicazioni.

Sagre, via libera dal 15 giugno: ecco come

È il decreto legge del 22 aprile 2021 a stabilire date e regole per lo svolgimento delle sagre in presenza, in zona gialla e bianca:

“Dal 15 giugno 2021 sarà consentito, in questa zona, lo svolgimento in presenza di fiere, nel rispetto degli specifici protocolli e linee guida di settore, ferma restando la possibilità di svolgere, anche in data anteriore, attività preparatorie che non prevedono afflusso di pubblico.”

Spiegano le Faq del governo.

La partecipazione a sagre e fiere sul territorio nazionale è consentita anche agli stranieri, fermi restando gli obblighi previsti in relazione al territorio estero di provenienza (ad esempio tampone e quarantena obbligatoria).

Chi organizza e partecipa alle sagre in presenza deve, in ogni caso, attenersi “agli specifici protocolli e linee guida di settore” che impongono le regole seguenti:

  • mascherina obbligatoria per tutti i visitatori, eccetto che per i bambini con età inferiore a 6 anni;
  • contingentare gli ingressi definendo il numero massimo di presenze in relazione agli spazi a disposizione;
  • predisporre percorsi differenziati in entrata e in uscita per evitare gli assembramenti di persone;
  • predisporre un’adeguata informazione - anche in lingua straniera se necessario - per illustrare le regole comportamentali da tenere durante l’evento;
  • possibilità di misurare la temperatura corporea e impedire la partecipazione delle persone con temperatura superiore a 37.5°;
  • dotare di barriere in plexiglass le postazioni dedicate alla reception e al servizio cassa e favorire i pagamenti elettronici;
  • disporre dispenser per l’igienizzazione delle mani;
  • assicurare il distanziamento tra i posti a sedere, se presenti, e rispettare i limiti imposti dai decreti legge dell’emergenza Covid sul numero massimo di persone per tavolo, eccetto tra conviventi;
  • pulire e sanificare gli ambienti, le attrezzature e i locali con frequenza;
  • mantenere aperte porte e finestre nei locali interni, a meno che le condizioni meteorologiche non lo consentano.

Per le sagre, diversamente da quanto stabilito per matrimoni e altre cerimonie, non serve essere in possesso del green pass, ovvero dimostrare di avere il vaccino, di essere guariti dal Covid-19 (con fine dell’isolamento domiciliare) e di aver fatto un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti.

Iscriviti a Money.it