Risultati elezioni amministrative Arezzo 2020, lo spoglio: ballottaggio Ghinelli-Ralli

Elezioni amministrative Arezzo 2020: è in fase di conclusione lo spoglio dei votim con i risultati che indicano un ballottaggio tra il sindaco uscente Alessandro Ghinelli e Luciano Ralli.

Risultati elezioni amministrative Arezzo 2020, lo spoglio: ballottaggio Ghinelli-Ralli

Risultati elezioni amministrative Arezzo 2020: si sta per concludere lo spoglio delle schede, dopo che nella giornata di ieri è stata data precedenza la precedenza al referendum e alle elezioni regionali.

Sono otto i candidati che si sono contesi la guida della città toscana, con l’uscente Alessandro Ghinelli che speranzoso di un bis appoggiato da tutto il centrodestra.

Alla fine però sarà ballottaggio con Luciano Ralli, supportato dal Partito Democratico e da liste civiche di centrosinistra, con i ltesta a testa decisivo che si terrà tra due settimane.

Qui di seguito potrete leggere i risultati dei candidati sindaco e delle liste per quanto riguarda le elezioni amministrative ad Arezzo, mentre cliccando sul box in basso potrete vedere la situazione negli altri comuni capoluogo chiamati al voto.

Elezioni Arezzo 2020: i risultati

I candidati a sindaco per Arezzo sono otto, con l’affluenzache è stata del 66,96%. Questi sono i risultati ufficiali dopo lo spoglio di 96 sezioni su 97.

CandidatoListePercentualeSeggi
Alessandro Ghinelli Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Ora Ghinelli 20-24, Civitas Etruria 47,04% /
Luciano Ralli Partito Democratico, Arezzo 2000, CuriAmo Arezzo, Lista Ralli, Arezzocista! 35,10% /
Michele Menchetti Movimento 5 Stelle 3,53% /
Marco Donati Scelgo Arezzo, Con Arezzo 9,24% /
Fabio Butali Prima Arezzo 2,00% /
Alessandro Facchinetti Partito Comunista 0,73% /
Daniele Farsetti Patto Civico per Arezzo 1,44% /
Laura Bottai Partito Comunista Italiano 0,92% /

Ricordiamo che in caso nessun candidato raggiunga la maggioranza assoluta, si procederà con un ballottaggio tra i due più votati.

La legge elettorale

Fatta eccezione per le regioni a statuto speciale dove possono esserci dei cambiamenti, la legge elettorale delle elezioni amministrative in Italia è di tipo stampo maggioritario per quanto riguarda l’elezione del sindaco, mentre la ripartizione dei consiglieri avviene in maniera proporzionale.

Essendo Arezzo un Comune con più di 15.000 abitanti, se nessun candidato al primo turno dovesse ottenere la maggioranza assoluta allora si procederà a un ballottaggio tra i due più votati. Nel caso si dovesse verificare una perfetta parità nel testa a testa, sarà eletto sindaco il candidato più anziano.

Per garantire la formazione di una maggioranza solida e di conseguenza una sostanziale governabilità, alle liste collegate al candidato sindaco risultato vincitore verrà attribuito il 60% dei seggi. I restanti posti nel Consiglio verranno poi assegnati alle altre liste in maniera proporzionale attraverso il “metodo D’Hondt”.

Alla divisione dei seggi, si andranno a eleggere nel totale 32 consiglieri escluso il sindaco, saranno ammesse tutte le liste e i gruppi di liste di candidati che avranno superato la soglia di sbarramento del 3% dei voti validi.

Per quanto riguarda le modalità di voto, nei comuni con più di 15.000 abitanti è ammesso il voto disgiunto, con l’elettore che potrà esprimere fino a due preferenze mantenendo però la parità di genere (un uomo e una donna).

I candidati

Il sindaco uscente Alessandro Ghinelli si ricandida per il secondo mandato e lo fa con una sua lista civica e con l’appoggio del centrodestra unito, come accaduto nel 2015.

Alla fine, nonostante alcune reticenze soprattutto del gruppo di Giorgia Meloni, l’accordo di appoggio del primo cittadino uscente è stato accolto da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia.

C’è, inoltre, la lista civica da poco formata, Patto civico, che presenta Daniele Farsetti, anch’egli militante nell’area del centrosinistra. Altro outsider dei partiti è Marco Donati, in corsa per la guida della città come civico, dopo essere stato dem e membro di Italia Viva.

Il Movimento 5 Stelle ha scelto il nome di Michele Menchetti e il Partito Comunista avrà come candidato proprio Alessandro Facchinetti, con un proprio simbolo.

Il Partito Democratico punta sull’appoggio a Ralli con diverse formazioni civiche. Dopo 30 anni, inoltre, è tornata una candidata del Partito Comunista Italiano, Laura Bottai.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1458 voti

VOTA ORA