Ragno violino, donna di 51 anni muore dopo essere stata morsa: come riconoscerlo

Una donna di 51 anni è morta dopo essere stata morsa da un ragno violino. Ecco come riconoscerlo.

Ragno violino, donna di 51 anni muore dopo essere stata morsa: come riconoscerlo

Un ragno violino ha provocato la morte di una donna di 51 anni, Roxamiunda Constant, di origine romena. La vicenda è accaduta a Marsala, in Sicilia, la donna si era recata all’ospedale “Paolo Borsellino” circa una settimana dopo essere stata morsa, lamentando una fascite alle gambe, ossia una sorta di infiammazione muscolare. La donna è stata ricoverata in terapia intensiva ed è entrata in coma. Qualche giorno fa è avvenuto il decesso, i medici sono riusciti a risalire con certezza alla causa della morte grazie a un esame ematologico.

Il morso di questo ragno è indolore, ma se non trattata in modo repentino può essere fatale. Questo aracnide vive principalmente nelle zone tropicali, ma si è diffuso anche in Italia, privilegiando le zone calde e afose. Ecco come riconoscerlo e cosa fare dopo essere stati morsi.

Ragno violino: come riconoscerlo

Dopo la morte di una donna di 51 anni torna la paura nei confronti del ragno violino, uno dei ragni più pericolosi presenti nel nostro Paese. Il ragno violino è molto piccolo, il suo corpo raggiunge infatti solamente i 9 millimetri di lunghezza, ma nonostante sia di dimensioni ridotti è molto pericoloso. È possibile riconoscerlo grazie a una macchia presente sul corpo che ricorda appunto un violino, da cui prende il nome.

Questo animale si è diffuso anche in Italia, ed è possibile trovarlo anche nelle nostre abitazioni. Nel nord del Paese vive per lo più nelle case, dal momento che non sopporta le temperature troppo basse, ma durante l’estate è possibile trovarlo anche all’aperto, come nei giardini e nei parchi. Il ragno violino può annidarsi dietro ai mobili, nelle cantine o nelle soffitte e persino dietro ai battiscopa, ma anche nella biancheria e nelle calzature. Tendenzialmente è un animale solitario che rimane nascosto durante il giorno ed esce durante la notte.

Come riconoscere e cosa fare dopo essere stati morsi

Il morso del ragno violino inizialmente è asintomatico, la zona coinvolta infatti non è dolorante. Nelle ore successive al morso, nell’arco delle 48-72 ore, iniziano a comparire i primi sintomi, quali prurito, bruciore e arrossamento, la zona può diventare ulcerosa ed andare incontro a necrosi. Oltre al veleno, il ragno violino può trasmettere anche altri batteri che possono aggravare l’infezione. In alcuni casi il morso di questo ragno può causare anche danni ai muscoli, ai reni ed emorragie e può rendersi necessario un trattamento in camera iperbarica.

In caso di morso è necessario lavare immediatamente la zona con acqua e sapone e cercare di catturare l’animale anche se morto, in modo da poter identificare con certezza l’animale e procedere con una terapia mirata. Dopo il morso di un ragno è necessario chiamare il centro antiveleni o recarsi al pronto soccorso, soprattutto se compaio sintomi locali.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1319 voti

VOTA ORA