Queste 3 banche hanno fatto perdere ai loro clienti 456 milioni in un anno. Il motivo si chiama “Zelle”

Violetta Silvestri

12 Giugno 2024 - 12:20

Tre colossi bancari Usa sono coinvolti in una truffa da 456 milioni di dollari in un anno a danno di clienti: cosa è successo e perché il Senato ha lanciato l’allarme?

Queste 3 banche hanno fatto perdere ai loro clienti 456 milioni in un anno. Il motivo si chiama “Zelle”

JPMorgan Chase, Bank of America e Wells Fargo non riescono a proteggere i clienti da centinaia di milioni di dollari in truffe e frodi ogni anno, questa l’amara conclusione di un comitato del Senato degli Stati Uniti.

In un’udienza tenuta dalla sottocommissione permanente per le indagini, il senatore e presidente democratico Richard Blumenthal ha affermato che i clienti dei giganti bancari hanno presentato richieste per recuperare 456 milioni di dollari nel 2022, il tutto a causa di truffe sulla rete di pagamenti Zelle.

Zelle – una rete di proprietà di sette banche statunitensi tra cui Chase, BofA e Wells Fargo – che consente di gestire transazioni online in modo rapido non protegge abbastanza i clienti, spesso troppo vulnerabili alle frodi.

Banche Usa e truffe: clienti perdono 456milioni per colpa di Zelle

“Le banche d’America hanno un piccolo sporco segreto. Si chiama Zelle... Zelle si presenta come un modo semplice e veloce per inviare e ricevere denaro. Ma, come ha scoperto questo Comitato, un modo semplice e veloce per perdere denaro è spesso ciò che accade su Zelle”: questa l’accusa del senatore Blumenthal.

Il sottocomitato permanente per le indagini ha rilevato che dei 456 milioni di dollari segnalati come persi dai clienti a causa delle truffe di Zelle nel 2022, 341 milioni di dollari sono stati rimborsati. Secondo il panel, il 13% degli utenti di Zelle e di altre piattaforme di pagamento peer-to-peer riferiscono di aver inviato denaro a qualcuno e in seguito di essersi resi conto che si trattava di una truffa.

“I trasferimenti Zelle sono quasi istantanei e irreversibili, e quando un consumatore sa di essere stato truffato, di solito è troppo tardi per fare qualcosa al riguardo”, hanno comunicato dal comitato.

In risposta all’inchiesta del comitato del Senato, Zelle ha rilasciato una dichiarazione tramite la sua società madre, Early Warning Services:

Fornire un servizio sicuro e affidabile ai consumatori è la massima priorità di Early Warning Services, LLC, l’operatore di rete di Zelle, e delle nostre 2.100 banche e cooperative di credito partecipanti.

Come risultato dei nostri continui sforzi per costruire sulle solide basi di sicurezza, meno di un decimo dell’uno per cento (0,1%) delle transazioni viene segnalato come frode o truffa, rendendo Zelle uno dei modi più sicuri per i consumatori di pagare le persone.

Tuttavia, le richieste di rimborso dei clienti ingannati rimangono in parte inascoltate. Con il coinvolgimento di colossi bancari Usa.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato