Quanto guadagna un ingegnere?

Quanto guadagnano gli ingegneri? Ecco un’analisi degli stipendi previsti a seconda del settore di competenza.

Quanto guadagna un ingegnere?

Una delle professioni dove si guadagna di più è quella dell’ingegnere. Lo ha confermato una recente classifica stilata da JobPricing, dove tra le lauree che fanno guadagnare di più ce ne sono diverse di ingegneria.

La più remunerativa nel lungo termine è quella in ingegneria chimica e dei materiali. In questo caso, infatti, si parte da un guadagno annuo di 30.272€, per poi aumentarlo del 110% nel lungo periodo tanto da arrivare a 63.579€ all’età di circa 50 anni.

Ma l’ingegnere chimico e dei materiali non è l’unico a guadagnare delle cifre importanti; anche gli esperti negli altri settori dell’ingegneria, infatti, riescono a raggiungere uno stipendio elevato dopo diversi anni di attività.

Quindi, nonostante la crisi occupazionale, diventare ingegnere è ancora una scelta particolarmente remunerativa. Studiare ingegneria ovviamente richiede impegno e dedizione, tuttavia vale la pena dedicare il massimo delle proprie forze durante il percorso accademico visto che si tratta di un investimento che oltre a ripagarvi in termini di soddisfazione lo farà anche dal punto di vista economico.

Ma quanto guadagna quindi un ingegnere? Di seguito risponderemo a questa domanda analizzando le retribuzioni previste a seconda dei vari settori di specializzazione e dell’esperienza maturata.

Quanto guadagna un ingegnere chimico?

Come anticipato, secondo la classifica stilata da JobPricing la laurea più remunerativa, nel lungo termine, è quella in ingegneria chimica e dei materiali.

D’altronde gli ingegneri chimici sono particolarmente ambiti sul mercato del lavoro e per loro ci sono opportunità di impiego in diversi settori: dalla produzione tessile all’area alimentare, fino all’industria medica o farmaceutica.

Per gli ingegneri del settore chimico e dei materiali una volta conseguita la laurea si parte da una retribuzione annua di 32.272€, per poi arrivare a 49.422€ una volta raggiunta la stabilità lavorativa (tra i 35 e i 44 anni). Nella fascia d’età compresa tra i 45 e i 54 anni, invece, lo stipendio annuo cresce fino a 63.579€.

Quanto guadagna un ingegnere aerospaziale?

L’ingegnere aerospaziale può guadagnare fino a 100.000€ l’anno, tant’è che questa professione è considerata come una delle meglio pagate al mondo. Tuttavia questo settore negli ultimi anni ha subito diversi tagli da parte degli enti, tant’è che le retribuzioni appaiono piuttosto bloccate.

Secondo il report di JobPricing, però, il settore aerospaziale è ancora tra i meglio pagati, così come quello dell’ingegneria meccanica.

Nel dettaglio, con una laurea in ingegneria meccanica, o anche ingegneria navale o appunto aerospaziale, il guadagno medio di un giovane laureato è di 30.644€, che aumenta a 39.821€ dopo i 35 anni.

Una volta raggiunta la maturità professionale (intorno ai 45-54 anni) la retribuzione aumenta a 57.904€. Ricordiamo comunque che si tratta di stipendi medi e che con questa laurea si possono ottenere incarichi anche meglio pagati con i quali si superano abbondantemente i 60.000€ annui di stipendio.

Quanto guadagna un ingegnere gestionale?

Tra i vari laureati in ingegneria sono quelli del settore gestionale a guadagnare di più nell’immediato: al termine del corso di studi, infatti, si possono ottenere incarichi molto ben pagati, per una retribuzione annuale di 31.681€.

Anche in questo caso l’esperienza paga, tant’è che l’ingegnere gestionale - ovvero colui specializzato nella progettazione, organizzazione e gestione di imprese - raggiunge una retribuzione annua pari a 42.966€, fino a toccare i 59.651€.

Quanto guadagna un ingegnere civile?

Anche il profilo dell’ingegnere civile è molto richiesto vista la vastità dei propri campi di competenza. Questo, infatti, si occupa della progettazione delle costruzioni industriali, o anche della realizzazione delle infrastrutture civili e militari.

Gli stipendi dei laureati in ingegneria civile, però, non sono elevati, o perlomeno non come quelli dei loro “colleghi” di altri settori. Si parte infatti da una retribuzione annua di 28.708€, per poi toccare i 37.493€ e infine raggiungere i 48.114€.

Quanto guadagnano gli ingegneri informatici e quelli elettronici?

Concludiamo con i laureati nel settore informatico o elettronico, che secondo il suddetto report partono da un guadagno di 29.919€ annui per poi arrivare a 43.738€ (con 35.561€ di stipendio annuo in età compresa tra i 35 e i 45 anni).

Molto naturalmente dipende dalle proprie capacità e dal tipo di impiego che si riesce ad ottenere, visto che ad esempio - per quanto riguarda gli ingegneri elettronici - il salario annuo iniziale può partire anche da 55.000€, per arrivare a 90.000€ una volta raggiunta la maturità professionale.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Ingegnere

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.