Quando riaprono sale bingo, scommesse e slot: c’è la data

Isabella Policarpio

18 Maggio 2021 - 08:57

condividi

Ultime notizie dal Governo: dal 1° luglio riaprono sale giochi, sale scommesse, bingo e casinò, chiusi al pubblico da ottobre 2020.

Quando riaprono sale bingo, scommesse e slot: c'è la data

Se fino a ieri era impossibile anticipare quando avrebbero riaperto le sale bingo, scommesse e slot/vlt, adesso c’è la data. Il Consiglio dei ministri del 17 maggio ha deciso di anticipare il calendario delle riaperture e per il settore del gioco d’azzardo legalizzato e la data prescelta è il 1° luglio 2021.

Sfumata la proposta di far ripartire sale bingo e casinò dal 31 maggio o da metà giugno.

La riapertura fissata a luglio arriva dopo più di un anno di chiusura al pubblico (da ottobre 2020) che ha causato al settore perdite ingenti stimate intorno ai 7 miliardi di euro e, cosa ben peggiore, ha favorito le scommesse clandestine gestite dalla criminalità organizzata.

Sale bingo, sale giochi e scommesse riaprono il 1° luglio

Tra i settori che hanno sofferto di più a causa del Covid-19 c’è quello delle del gioco d’azzardo legale, fanalino di coda del calendario delle riaperture varato dal Governo. Adesso c’è una data ufficiale, anche se si dovrà aspettare più di un mese:

“dal 1° luglio sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò potranno riaprire al pubblico.”

Recita il comunicato stampa del Consiglio dei ministri che anticipa la pubblicazione del nuovo decreto in Gazzetta Ufficiale, dove saranno indicati i dettagli della riapertura.

Sale scommesse: a quanto ammontano le perdite

I numeri della crisi sono impressionanti: stando ai dati di Agipronews (agenzia stampa che si occupa del mondo dei giochi a pronostico e scommesse) le restrizioni dell’emergenza sanitaria hanno provocato un calo delle giocate stimabile intorno al 35% e la spesa complessiva è crollata da 19,4 a 12,5 miliardi di euro. Giochi e scommesse si sono spostati sul web; l’offerta online, infatti, durante il solo 2020 ha registrato un aumento di spesa del 39%.

Tra i più danneggiati dalla pandemia ci sono gli apparecchi slot e vlt, crollati del 54% rispetto al 2019, le scommesse, diminuite del 36% e lotterie e bingo che hanno perso il 25% rispetto a due anni fa.

Oltre alle ingenti perdite arrecate agli impiegati nel settore e all’Erario - circa 7 miliardi - il dato più allarmante è che l’impossibilità di usufruire del gioco legale ha favorito i traffici illeciti e l’arricchimento delle mafie.

Argomenti

Iscriviti a Money.it