Quando conviene il Cid in caso di incidente stradale?

Claudio Garau

01/06/2022

16/06/2022 - 22:44

condividi

Per gli automobilisti non sempre alla guida fila tutto liscio e, in caso di sinistro, debbono tutelarsi. Quando conviene il Cid in caso di incidente stradale? Ecco la risposta.

Quando conviene il Cid in caso di incidente stradale?

Se ti chiedi quando è opportuno e quando conviene il Cid in caso di incidente stradale, intendiamo qui dare una risposta che possa chiarirti le idee. Vero è che ogni automobilista sa o dovrebbe sapere che alla guida occorre prestare sempre molta attenzione e rispettare le norme di cui al Codice della Strada. D’altronde puoi ottenere la patente di guida soltanto dopo l’opportuna verifica della conoscenza delle norme relative alla circolazione stradale ed è auspicabile che dette conoscenze si conservino intatte nel corso del tempo, anzitutto per garantire la tua incolumità ma anche per proteggere quella degli altri automobilisti e dei pedoni.

Tuttavia, le insidie e i rischi di sinistro - specialmente nelle aree a più alta densità di traffico come i quartieri delle grandi città o nelle strade dove sono consentite velocità maggiori alla guida - possono essere dietro l’angolo e pertanto potresti porti la seguente domanda: quando conviene il Cid in caso di incidente stradale? Te lo diremo nel corso di questo articolo, non prima di averti ricordato in breve che cos’è il Cid.

Quando conviene il Cid in caso di incidente stradale? Il contesto di riferimento

Il Cid, che prende anche il nome di Cai (abbreviazione di constatazione amichevole incidente) consiste un modulo che ti è consegnato al momento della sottoscrizione del contratto di assicurazione, ma potrai anche scaricarlo e stamparlo dal web. Oggi sono infatti tantissimi i siti che offrono questo servizio.

Previsto dalla Convenzione per l’indennizzo diretto, si tratta di un documento che devi tenere nella tua automobile e che, a seguito di un incidente stradale, potrà essere compilato e sottoscritto congiuntamente da te e dall’altro conducente del mezzo coinvolto. Fai attenzione perché il Cid può essere usato esclusivamente nelle ipotesi in cui l’incidente stradale produca un danno ai soli veicoli, senza danni alle persone e dunque senza feriti. In queste ultime circostanze, infatti, dovranno intervenire le forze dell’ordine e l’ambulanza e perciò non potrai servirti della procedura semplificata con Cid.

Ricollegandoci alla questione iniziale, ovvero alla domanda relativa al quando conviene il Cid in caso di incidente stradale, ti ricordiamo che lo scopo di questo documento è in particolare quello di velocizzare la liquidazione dei sinistri con danni a cose, prodotti da collisione tra due veicoli a motore. Con questo documento perciò potrai conseguire più agevolmente il relativo risarcimento.

D’altronde il principio su cui si fonda il Cid è rappresentato dall’obbligo, che ciascuna compagnia assicurativa si assume, di provvedere al risarcimento dei danni patiti da un proprio assicurato per la responsabilità civile auto. Ciò in conseguenza di un incidente imputabile, in tutto o in parte, ad un soggetto assicurato per l’identico rischio presso un’altra impresa assicuratrice.

Quando conviene il Cid in caso di incidente stradale? Lo scambio delle generalità

Quanto appena detto è fondamentale per capire quando è opportuno usare il Cid a seguito di un incidente stradale. D’altronde non puoi dimenticarti del fatto che, in materia di assicurazione auto, non sono poche le cose da sapere anzitutto per la tutela dei propri diritti: dalla scelta della polizza più adatta alle tue esigenze, alla verifica ed al perfezionamento del contratto, alla comprensione delle clausole che lo compongono, alla modalità di denuncia sinistro, al rimborso e alla compilazione dei diversi moduli - tra cui appunto il Cid.

Vero è che il nostro assicuratore potrà sempre darci una mano e assisterci in ipotesi di necessità ma è comunque essenziale conoscere quelli che sono i requisiti minimi per compilare un modulo, e in particolare il Cid. Vero è che la compilazione del documento non è operazione così complessa, ma è altrettanto vero che - nell’eventualità di un incidente stradale - è molto facile cadere in preda ad un stato di agitazione. Insomma, in circostanze come queste i rischi di sbagliare aumentano e avere piena consapevolezza su com’è fatto il Cid e sulla sua finalità è dunque consigliato. Esso chiaramente conviene e parlare del perché è opportuno, per te che sei automobilista e che intendi tutelarti dopo un incidente stradale.

Tieni inoltre presente che, in caso di sinistro con la tua auto, la prima cosa da fare è rappresentata dallo scambio delle generalità con il conducente dell’altro mezzo coinvolto. In particolare dovrai prestare attenzione ad accertare tutti i dati identificativi del conducente e del proprietario dell’altro veicolo (se questi è diverso dal conducente).

Attenzione però, se l’altra persona dovesse fuggire dal luogo del sinistro per evitare responsabilità, è assai opportuno avere la prontezza di annotare la targa del suo mezzo: ciò servirà a conoscere in seguito sia il proprietario che la sua compagnia assicuratrice. In questi casi non potrai avvalerti del Cid, ma almeno potrai risalire all’altra persona coinvolta nell’incidente stradale.

Quando conviene il Cid in caso di incidente stradale? Tempi più veloci per il risarcimento

In seconda battuta, il modulo per la constatazione amichevole dell’incidente - Cid - assumerà indubbia importanza per te. Il documento, correttamente compilato e firmato da te e dall’altro conducente, sarà infatti fondamentale per conseguire il risarcimento nella maniera più rapida possibile. Ma non solo: in ipotesi di contestazioni successive - comprenderai che queste ultime sono una possibilità tutt’altro che remota - il Cid compilato costituirà altresì una prova importante e probabilmente determinante per superare le stesse e veder riconosciute le tue pretese.

Tieni presente anche questo elemento: compilare la constatazione amichevole ti conviene perché può aiutarti non soltanto a denunciare un sinistro e a risolverlo il prima possibile. Infatti, se redigerai nel modo corretto e completo il Cid, potrai altresì ridurre i tempi per l’offerta del risarcimento danni. Questo va chiaramente a tuo vantaggio.

Perciò se l’altro automobilista dovesse dirti che non ha tempo per compilare il Cid e che preferisce darti numero di telefono e targa per un successivo contatto - e ciò perché non vuole mettere in mezzo l’assicurazione - farai bene ad opporti e a chiarirgli che invece il modulo Cid è nell’interesse di entrambi. Comprenderai allora che compilare il modulo in oggetto ti permetterà di evitare qualche brutta sorpresa: se è vero che a parole siamo tutti in buona fede, rinviare ad un altro momento una constatazione può far insorgere più questioni di quante se ne possano immaginare. Perciò conviene ’cristallizzare’ la situazione dell’incidente, raccogliendo subito tutti gli elementi che ti servono: per farlo tu e l’altro automobilista farete bene ad usare il Cid.

Non dimenticare, inoltre, che ti conviene fare alcune foto ai danni riportati dai veicoli coinvolti, in modo da chiarire il più possibile la situazione e scongiurare rischi di contestazioni successive. Compiute le operazioni di cui sopra, tu e l’altro conducente potrete allontanarvi serenamente dal luogo dell’incidente stradale.

Quando conviene fare il Cid? La confessione e la sua utilità per l’automobilista

Non solo. In quanto automobilista devi ricordarti che dichiarare amichevolmente quanto è successo in un incidente stradale, e quali sono state le conseguenze dello stesso, significa in sostanza effettuare una confessione. Ebbene sì, i conducenti che firmano il Cid, confessano che si è verificato un sinistro, indicano le sue modalità e i danni derivati. Si tratta di confessione - tecnicamente ’stragiudiziale’ perché resa al di fuori del tribunale - se pensiamo che il modulo include anche i dati dei veicoli coinvolti, dei proprietari e/o dei conducenti degli stessi ed inoltre gli estremi delle compagnie assicuratrici che garantivano i mezzi coinvolti.

Tieni presente poi che detta confessione ha un fondamentale valore di prova e ciò lo conferma la legge vigente. Essa infatti indica che quando il Cid sia stato sottoscritto congiuntamente da ambo i conducenti coinvolti nel sinistro si presume, salvo prova contraria da parte dell’impresa di assicurazione, che l’incidente stradale si sia verificato nelle circostanze, con le modalità e con le conseguenze di cui al modulo Cid.

Concludendo, conviene il Cid in caso di incidente stradale anche perché grazie ad esso sarà molto difficile che il risarcimento sia poi negato. Certamente la compagnia assicuratrice potrebbe dimostrare il contrario di quanto successo - pensiamo ai casi di truffa non di rado raccontati dalla cronaca - ma nella realtà dei fatti ciò avviene comunque di rado.

Iscriviti a Money.it