Tonfo Bitcoin e criptovalute: bruciati $23 miliardi in un giorno

Il prezzo del Bitcoin è crollato ancora assieme al resto del comparto criptovalute. Il mercato ha bruciato 23 miliardi di dollari in 24 ore.

Tonfo Bitcoin e criptovalute: bruciati $23 miliardi in un giorno

Il prezzo del Bitcoin e le quotazioni delle sue colleghe criptovalute hanno bruciato circa $23 miliardi di capitalizzazione nell’arco di sole 24 ore.

Il tonfo, secondo gli esperti, ha trovato ragion d’essere nelle novità in arrivo dalla SEC, che ha ufficialmente rimandato la pronuncia sull’ETF al prossimo 30 settembre.

Come conseguenza, il prezzo del Bitcoin ha abbandonato di nuovo la soglia dei 7.000 dollari ed ha poi messo in discussione i $6.400. Il supporto, però, ha tenuto, almeno per il momento. Non è andata meglio neanche ad Ethereum, scivolato da oltre $400 a circa $370, né a Ripple e alle altre, tutte attualmente in rosso.

La capitalizzazione totale di mercato rispetto a ieri, martedì 7 luglio, è scesa di circa 23 miliardi di dollari. Nello specifico, quella del Bitcoin è scivolata da 119 a 112 miliardi di dollari.

La questione ETF affossa il prezzo del Bitcoin

La società di investimenti VanEck e l’azienda di servizi finanziari Solid X, hanno stipulato una partnership all’inizio dell’anno, con l’obiettivo di lanciare un ETF sul BTC, ossia un prodotto finanziario in grado di tracciare il prezzo di un asset e che è quotato su un exchange.

Utilizzare questo tipo di strumenti sulle criptovalute è stato considerato sin da subito un modo per investire in un mercato volatile senza esporsi troppo ai suoi rischi. L’approvazione dell’ETF non avrebbe conseguenze positive soltanto per gli interessati a fare trading, ma anche e soprattutto per il comparto digitale.

Il via libera della SEC garantirebbe al Bitcoin e alle criptovalute in generale, quella legittimazione istituzionale a lungo cercata ma mai davvero trovata. Per ben due volte, infatti, l’autorità ha rigettato le iniziali richieste di approvazione avanzate da VanEck.

In questo caso la decisione è stata soltanto rimandata a fine settembre, ma tanto è bastato al prezzo del Bitcoin e alle quotazioni delle maggiori criptovalute in circolazione per tornare a scambiare in forte ribasso. Fino ad ora, si noti, nessuna delle richieste avanzate per introdurre ETF sulla criptovaluta è stata mai approvata dalla Commissione.

Al momento della scrittura il prezzo del Bitcoin sta scambiando con un ribasso di oltre l’8% su quota $6.469.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Marco Ciotola -

Criptovalute: come si regolamentano?

Criptovalute: come si regolamentano?

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Analisi criptovalute: Bitcoin sfiora i minimi dell’anno, voglia di rimbalzo?

Analisi criptovalute: Bitcoin sfiora i minimi dell'anno, voglia di rimbalzo?

Commenta

Condividi

Marco Ciotola -

Bitcoin crolla sotto i 6.000 dollari, poi recupera. Ma le crypto soffrono

Bitcoin crolla sotto i 6.000 dollari, poi recupera. Ma le crypto soffrono

Commenta

Condividi