Bitcoin torna giù: cancellati tutti i guadagni del weekend

Il prezzo del Bitcoin torna a scambiare in ribasso: la quotazione ha cancellato tutti i guadagni messi a segno nel corso del fine settimana. Scema anche l’interesse?

Bitcoin torna giù: cancellati tutti i guadagni del weekend

Il prezzo del Bitcoin è tornato a scambiare in ribasso e in sole due giornate ha cancellato tutti i guadagni registrati nel corso del fine settimana.

Il tentativo di rialzo messo a segno a partire dallo scorso 2 giugno è stato vanificato dalla rinnovata debolezza di BTCUSD, tornata a manifestarsi nella giornata di ieri, lunedì 4 giugno.

Dai $7.700 del weekend, il prezzo del Bitcoin è così piombato di nuovo sulla soglia dei $7.400, non senza scivolare anche al di sotto della stessa. Ancora al momento della scrittura la quotazione sta scambiando in in preda alla debolezza.

Un problema di elettricità?

Secondo un recente articolo di Forbes, il Tallone d’Achille del prezzo del Bitcoin sarebbe rappresentato dall’ampia quantità di energia elettrica necessaria alle operazioni di mining.

La suddetta analisi ha ribadito come i miner stiano sottovalutando i rischi associati al consumo energetico su larga scala ed ha inoltre messo in luce problematiche quali il furto di energia e il sempre più elevato costo delle attrezzature per l’estrazione di BTC.

Dichiarazioni, queste, che hanno contrassegnato il momento in cui il prezzo del Bitcoin è “morto” per la trecentesima volta, secondo i dati di 99Bitcoins. Il riferimento è all’attimo in cui la quotazione è scesa sui $7.312. A dicembre, il prezzo è “morto” per la duecentesima volta scivolando su quota $11.000.

C’è comunque da sottolineare come gli elementi che nel corso dei mesi hanno affossato la quotazione sono davvero numerosi e sarebbe pertanto riduttivo ricondurre la discesa del prezzo ad una sola motivazione.

Opinioni a confronto

Nel corso del 2018 le previsioni sul prezzo del Bitcoin hanno continuato a rincorrersi, rendendo sempre più marcata la distinzione fra ottimisti e pessimisti. Sul primo fronte, numerosi esperti e personaggi pubblici si sono espressi con favore nei confronti della quotazione.

Secondo il co-fondatore di Apple Steve Wozniak solo il Bitcoin è puro oro digitale. Per il CEO di Twitter Jack Dorsey, invece, nell’arco di un decennio il BTC sarà la moneta unica del mondo e di Internet.

A questa parte di mercato, però, se ne è affiancata un’altra forse meno ottimista sul futuro andamento del prezzo del Bitcoin. Come non citare in questo senso le recenti dichiarazioni di Warren Buffett, che ha definito la criptovaluta veleno per topi, o ancora quelle di Mark Carney, Governatore della Bank of England, che ha parlato del Bitcoin come di una moneta ormai fallita.

L’interesse non scema

Al momento, fanno notare gli esperti, il prezzo del Bitcoin è alla ricerca di un nuovo trend di lungo periodo che potrebbe emergere dal prossimo tonfo o dal prossimo balzo in avanti di BTCUSD.

Nonostante la debolezza della quotazione sia tornata a far discutere all’inizio della settimana, in molti hanno notato come l’interesse di mercato non sia mai realmente scemato. Sul Cboe, ad esempio, i futures sul BTC hanno lasciato osservare un forte incremento dei volumi rispetto alla settimana precedente.

Al momento della scrittura, comunque, il prezzo del Bitcoin sta scambiando con un ribasso del 3% su quota $7.437.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Bitcoin

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.