Premio Nobel per la Pace 2021 ai giornalisti Maria Ressa e Dmitrij Muratov, ma scoppia la polemica

Emiliana Costa

08/10/2021

08/10/2021 - 15:26

condividi

Il comitato norvegese ha assegnato il premio Nobel per la Pace 2021 ai giornalisti Maria Ressa e Dmitrij Muratov, scatenando una polemica.

Premio Nobel per la Pace 2021 ai giornalisti Maria Ressa e Dmitrij Muratov, ma scoppia la polemica

Oggi, il comitato norvegese ha conferito il Premio Nobel per la Pace 2021 ai giornalisti Maria Ressa e Dmitrij Muratov. Ma la scelta ha fatto storcere il naso a qualcuno. Andiamo con ordine. Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato a due giornalisti, Dmitrij Muratov, caporedattore del giornale d’inchiesta russo Novaja Gazeta - testata per cui scriveva la giornalista Anna Politkovskaja, uccisa nel 2006 - e Maria Ressa, cronista filippina naturalizzata statunitense cofondatrice del sito di informazione Rappler, famoso per le inchieste sull’operato del governo del presidente filippino Rodrigo Duterte, soprattutto sulla feroce «guerra alla droga» .

Premio Nobel per la Pace 2021, le motivazioni del riconoscimento

Dmitri Muratov ha dedicato il premio Nobel al giornale da lui diretto, Novaya Gazeta e ai sei redattori della testata uccisi. «Vi dirò questo - ha spiegato Muratov alla Tass - non è merito mio. È Novaya Gazeta. Sono quelli che sono morti difendendo il diritto delle persone alla libertà di parola. Siccome loro non sono con noi, probabilmente hanno deciso che sia io a dirlo a tutti». Fra le vittime a cui fa riferimento il neo premio Nobel, anche Natalya Estemirova, uccisa nel 2009 in Cecenia. Il comitato norvegese nella motivazione ha spiegato: «Per decenni, Muratov ha difeso la libertà di espressione in Russia in condizioni sempre più difficili».

Per il comitato norvegese, Maria Ressa «è stata una paladina senza paura della libertà di espressione» alla guida di Rappler, il sito di giornalismo investigativo che ha portato alla luce «la controversa e mortale campagna antidroga del regime di Duterte». Giornalista nel continente asiatico per 35 anni, Maria Ressa, 58 anni, è stata vittima di continue vessazioni politiche e arresti da parte del governo Duterte. Maria Ressa ha dovuto pagare per dieci volte la cauzione per rimanere libera. Per il suo operato e il suo impegno contro la disinformazione e le fake news, Maria Ressa è stata nominata persona dell’anno 2018 da Time Magazine, è stata tra le 100 persone più influenti del 2019 ed è stata anche nominata una delle donne più influenti del secolo.

Premio Nobel per la Pace 2021, la polemica

Ma c’è chi non avrebbe gradito l’assegnazione del premio Nobel per la Pace 2021 al direttore della Novaja Gazeta, Dmitrij Muratov. Si tratta dei sostenitori di Alekseij Navalnyj, il blogger, maggior oppositore di Putin, avvelenato lo scorso anno. Su Twitter, il giornalista Leonid Ragozin riporta le dichiarazioni dei sostenitori di Navalnyj: «Invece di chiacchiere pompose e ipocrite sulla libertà, avrebbero potuto proteggere una persona che è sopravvissuta all’assassinio e che era stata presa in ostaggio dagli assassini».

Iscriviti a Money.it