Un successo dell’amministrazione Biden che in pochi hanno notato: il grafico della settimana

Luca Fiore

18 Settembre 2021 - 09:00

condividi

Grazie ad una serie di misure, ha rilevato la Columbia University, l’amministrazione Biden è riuscita a ridurre drasticamente la percentuale di bambini che vivono in povertà.

Un successo dell'amministrazione Biden che in pochi hanno notato: il grafico della settimana

L’enfasi con cui a luglio il presidente USA Joe Biden ha annunciato l’obiettivo del “maggior calo annuo della povertà infantile nella storia degli Stati Uniti”, ha fatto storcere il naso a più di un commentatore.

Ma le recenti indicazioni, fornite dal “Center on Poverty & Social Policy” della Columbia University, dimostrano che il Presidente USA potrebbe aver fatto bene i calcoli.

Povertà infantile USA: le cause del calo

In condizioni normali, il tasso di povertà infantile negli USA è particolarmente elevato (16-20%) se confrontato con quello degli altri Paesi sviluppati.

In rapporto al PIL, generalmente la spesa dell’amministrazione USA destinata ai benefit per famiglie e bambini si attesta allo 0,6%, meno di un terzo rispetto al 2,1 della media Ocse.

A causa della pandemia, sono state però varate una serie di misure, tra cui:

  • i salvataggi delle attività economiche;
  • gli assegni distribuiti a gran parte delle famiglie;
  • l’incremento dei sussidi di disoccupazione;
  • l’aumento, e la corresponsione mensile, dei crediti d’imposta per i figli.

Con questi provvedimenti, il tasso di bambini che negli USA vivono in povertà è sceso drasticamente anche perché, come evidenziato dai numeri del Census Bureau, i nuovi fondi sono stati utilizzati in consumi, e non per pagare bollette o estinguere prestiti.

Percentuale di popolazione in povertà divisa per fasce di età.
Fonte: Center on Poverty & Social Policy della Columbia University

-25% in un mese, -40% in un anno

Secondo i numeri elaborati dalla Columbia University, a luglio il tasso di povertà tra i bambini statunitensi si è attestato all’11,9%, contro il 15,8% di giugno. A livello percentuale si tratta di un rosso di quasi 25 punti mentre in termini assoluti è stato rilevato un calo di 3 milioni di unità.

Nel confronto con un anno fa, quando la povertà infantile si attestava al 20,2%, è stata registrata una contrazione di oltre 40 punti percentuali (-41%).

Nel caso in cui venissero risolte le criticità tecniche che hanno impedito di distribuire i benefit ad alcune categorie di contribuenti, i ricercatori della Columbia stimano che il tasso di povertà tra i bambini USA potrebbe presto scendere sotto quota 10%, la metà rispetto ai livelli considerati normali.

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.