Arriva la pillola anti-Covid in Italia: in quali casi verrà utilizzata

Stefano Rizzuti

3 Gennaio 2022 - 18:10

condividi

Dal 4 gennaio la pillola antivirale Molnupiravir di Merck verrà distribuita alle Regioni e utilizzata in Italia: vediamo come funziona e come viene utilizzata per i casi di malattia moderata da Covid.

Arriva la pillola anti-Covid in Italia: in quali casi verrà utilizzata

Arriva in Italia la pillola anti-Covid di Merck: il Molnupiravir sarà disponibile dal 4 gennaio. Ma non sarà utilizzabile da tutti e in qualsiasi caso di Covid-19.

L’Aifa ha comunicato il 30 dicembre di aver autorizzato l’uso dell’antivirale orale dopo l’approvazione del suo Cts. Contestualmente all’approvazione dell’antivirale Remdesivir: entrambi sono farmaci per il trattamento dei pazienti non ospedalizzati per Covid in caso di malattia “lieve-moderata” insorta da poco.

Cos’è e quando viene utilizzato il Molnupiravir

Il Molnupiravir è un antivirale orale, autorizzato per la distribuzione in condizioni d’emergenza il 26 novembre dal ministero della Salute. Il suo utilizzo è previsto entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi.

La pillola agisce interferendo con la capacità del virus di replicarsi: introduce, infatti, errori nel codice genetico del virus, impedendone la duplicazione e riducendo il rischio di malattia grave. Secondo quanto emerso dagli studi sarebbe efficace contro tutte le varianti.

Come viene somministrata la pillola anti-Covid

La pillola di Merck sarebbe in grado di ridurre il rischio di ospedalizzazione nei pazienti fragili dal 30% al 50%. La durata del trattamento è di cinque giorni: si prevede l’assunzione di quattro compresse (da 200 mg) per due volte al giorno.

La distribuzione del Molnupiravir alle Regioni da parte della struttura commissariale è prevista a partire dal 4 gennaio e per la sua prescrizione è previsto l’utilizzo di un Registro di monitoraggio accessibile dal sito dell’Agenzia del farmaco.

La pillola anti-Covid è sconsigliata per le donne in gravidanza. I possibili effetti indesiderati sono: diarrea, nausea, vertigini e cefalea, ma comunque in forma lieve.

Quando e perché si ricorrerà alla pillola anti-Covid

Soprattutto all’inizio la pillola verrà distribuita in piccoli quantitativi che arriveranno solamente nei principali ospedali. E l’utilizzo sarà ristretto a casi molto limitati. Anche perché restano dubbi sulla reale efficacia, tanto che l’Fda statunitense ne ha ritardato l’approvazione: dai primi studi l’efficacia sembrava essere del 50%, ma nuovi studi parlano di una discesa al 30%.

Il Remdesivir: cos’è e trattamento

Per quanto riguarda il Remdesivir, l’Ema ha di recente autorizzato un’estensione di indicazione relativa al trattamento dei soggetti non in ossigeno-terapia ad alto rischio di Covid grave.

Il farmaco può essere utilizzato fino a sette giorni dall’insorgenza dei sintomi. Il trattamento consiste in una somministrazione endovenosa per una durata di tre giorni. Anche in questo caso si prevede l’utilizzo di un Registro di monitoraggio.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it