Pensioni, in arrivo un questionario Inps per 300 mila utenti: a cosa serve

Antonio Cosenza

5 Aprile 2021 - 11:04

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Pensioni: dall’Inps in arrivo un questionario per chiedere agli utenti un giudizio sulla qualità dei servizi.

Pensioni, in arrivo un questionario Inps per 300 mila utenti: a cosa serve

Pensioni, in arrivo un nuovo questionario dell’Inps: lo ha comunicato l’Istituto con il messaggio n°1405 del 2 aprile 2021, con il quale ha fatto chiarezza su quali saranno i destinatari e sullo scopo del sondaggio.

Nei prossimi giorni circa 300 mila pensionati riceveranno dall’Inps un link con delle domande a cui rispondere. Niente di preoccupante: si tratta semplicemente di una campagna di rilevazione delle performance dei propri servizi, sui quali l’Inps ha deciso di chiedere un parere direttamente ai pensionati.

Un questionario, quindi, al quale sarà opportuno rispondere, poiché in base alle risposte date dagli utenti l’Inps andrà a migliorare la qualità dei servizi di accesso alle prestazioni pensionistiche.

Il tutto nell’ottica di un miglioramento dei servizi utili a chi è in pensione, con l’Inps che non ha intenzione di fermarsi nel processo di digitalizzazione intrapreso ormai da qualche anno. Un percorso che negli anni si è arricchito appunto di una nuova componente: l’ascolto e il coinvolgimento del personale e degli utenti finali, ai fini del consolidamento dell’integrazione della valutazione partecipativa in quelli che sono i processi decisionali dell’Istituto.

Messaggio INPS numero 1405/2021
Clicca qui per scaricare il messaggio con cui l’Inps fa chiarezza sullo scopo del questionario sulle pensioni che verrà inviato a partire dal 6 aprile sulla mail di 300.000 utenti.

Questionario Inps sulla pensione: a chi verrà inviato

Dal momento che l’Inps ha intenzione di valutare la qualità dei servizi di accesso alle prestazioni pensionistiche, il questionario - che verrà inviato a partire dal 6 aprile 2021 - coinvolgerà coloro che percepiscono i seguenti trattamenti:

  • Pensione di vecchiaia;
  • Pensione anticipata;
  • Pensione Quota 100;
  • Pensione in regime di cumulo;
  • Pensione in regime di totalizzazione.

Niente di strano quindi, anche perché è la legge a prevederlo. Il sondaggio Inps sulle pensioni, infatti, è previsto anche dalla normativa: l’articolo 13, comma 2, del decreto legislativo 74/2017, infatti, punta ad un “rafforzamento del ruolo dei cittadini nel ciclo di gestione della performance”. Per questo motivo, ciascuna amministrazione adotta sistemi di rilevazione del grado di soddisfazione degli utenti e dei cittadini in relazione alle attività e ai servizi erogati, favorendo ogni più ampia forma di partecipazione e collaborazione dei destinatari dei servizi.

Questionario Inps sulla pensione: link tramite email

Come prima cosa ricordiamo che tutti gli utenti percettori di prestazioni nell’anno 2020 riceveranno la richiesta di rispondere al questionario dell’Inps. Si tratta, infatti, di una campagna che interesserà circa 300 mila persone secondo i numeri indicati dall’Inps.

Questi, a partire dal 6 aprile, riceveranno sul proprio indirizzo email il link utile per rispondere al sondaggio. Ovviamente non si tratta di un obbligo, quindi non ci sono conseguenze per chi decide di non rispondere al questionario.

La rilevazione sarà effettuata da Customer Experience, in collaborazione con il Dipartimento della Funzione Pubblica e con FormezPA. I risultati di questo questionario di gradimento saranno poi resi noti dall’Inps e - soprattutto - saranno utili all’Istituto per capire come migliorare i propri servizi.

Argomenti

# INPS

Iscriviti alla newsletter

Money Stories