No, il coronavirus non è stagionale. Le previsioni OMS sui prossimi mesi

Il coronavirus non sarà stagionale come l’influenza: lo ribadisce l’OMS, spiegando cosa accadrà nei prossimi mesi.

No, il coronavirus non è stagionale. Le previsioni OMS sui prossimi mesi

Il coronavirus non sarà stagionale: su questo punto l’OMS è certa.

Chi si attende un nuovo picco in autunno come potrà avvenire con l’influenza o il raffreddore, quindi, si sbaglia. La diffusione dell’epidemia di COVID-19 non è legata alle diverse stagioni e dovremo aspettarci altri scenari.

A dichiararlo è stata Margaret Harris, portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Coronavirus: un’unica grande ondata non stagionale

Il legame con le stagioni non c’entra nulla con la diffusione del coronavirus. A dirlo è l’OMS. Compiacersi di un rallentamento dell’epidemia in alcune parti del mondo, come per esempio in Europa, dovuto alla stagione estiva è sbagliato.

Così come non è esatto pensare che in autunno ci sarà un’altra ondata legata alla nuova stagione: il virus COVID-19 non è l’influenza e non si presenterà a ottobre a causa del passaggio dall’estate all’autunno.

Piuttosto, la portavoce OMS Margaret Harris ha ribadito che:

“La gente sta ancora pensando alle stagioni. Ciò di cui tutti abbiamo bisogno di comprendere è che si tratta di un nuovo virus e ... questo si comporta in modo diverso. La pandemia COVID sarà una grande ondata non stagionale che andrà su e giù”.

Dinanzi a questa spiegazione medico-scientifica, quindi, l’unica via possibile per appiattire la curva dei contagi è applicare ancora misure stringenti di prevenzione. L’obiettivo è rendere l’ondata virale quasi impercettibile, trasformandola “in qualcosa che sfiori appena i nostri piedi”.

L’autunno, piuttosto, potrà essere un periodo a rischio non per la stagionalità, ma per l ripresa di tutte le attività al chiuso, che compromettono la distanza sociale e favoriscono assembramenti.

Come ricordato da Guerra, esperto OMS, in Italia:

“Questo è il bimestre a bassissima circolazione del virus in cui dobbiamo lavorare di più per prepararci all’arrivo dell’autunno, il periodo delle elezioni regionali, dell’inizio delle scuole e dell’influenza stagionale, oltre che, naturalmente, della ripresa auspicata delle attività ordinarie.”

Il coronavirus, quindi, nella sua grande ondata potrebbe tornare perché stimolato da più frequenti contatti, non per la stagionalità.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories