Mutuo agevolato Inps per dipendenti pubblici: importi, interessi e come richiederlo online

Diventa telematica la procedura per la richiesta del mutuo ipotecario Inps riservato ai dipendenti pubblici. Qui la guida con le informazioni su importi e tassi di interesse.

Mutuo agevolato Inps per dipendenti pubblici: importi, interessi e come richiederlo online

Dal 15 gennaio sono cambiate le modalità per la richiesta del mutuo ipotecario Inps da parte degli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociale, ossia il Fondo obbligatorio per tutti i dipendenti pubblici appartenenti alla gestione ex Inpdap.

Lo ha comunicato l’Inps tramite un comunicato appena pubblicato sul sito ufficiale, nel quale sono indicate nel dettaglio le operazioni necessarie per l’invio della domanda online per mutui ipotecari edilizi.

Prima di andare avanti ricordiamo che è facoltà di richiedere un mutuo Inps a tutti coloro che - oltre ad essere in regola con l’iscrizione alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali - sono impiegati con contratto a tempo indeterminato oppure siano in pensione. La richiesta, di cui di seguito vi spiegheremo i dettagli, può essere effettuata però solamente da coloro che risultano iscritti alla Gestione unitaria da almeno un anno.

Mutuo ipotecario Inps per dipendenti pubblici: come funziona?

Ai dipendenti pubblici è consentito chiedere mutui con un piano di restituzione di 10, 15, 20, 25 o 30 anni. La durata si riduce qualora il richiedente abbia compiuto il 65° anno di età, poiché in tal caso il mutuo deve avere una durata non superiore ai 15 anni.

Il rimborso avviene utilizzando il metodo di calcolo alla francese, ossia con rate trimestrali costanti e posticipate; vi è invece la possibilità di decidere tra tasso d’interesse fisso o variabile (questi sono fissati con relativo provvedimento dell’Inps).

Interessi

Nel dettaglio, è stato deciso l’adeguamento del tasso di interesse fisso con il metodo Loan to value (LTV), con il quale si considera il rapporto tra il mutuo concesso e il valore dell’immobile rilevato in seguito alla perizia estimativa.

Nel caso specifico delle domande di mutuo inviate dal 15 gennaio tramite la nuova modalità, si applicano i tassi di interesse riassunti nella seguente tabella.

Durata LTV inferiore al 50% LTV tra il 50% e l’80% LTV superiore all’80%
10 anni 1,15% 1,33% 1,73%
15 anni 1,51% 1,69% 2,20%
20 anni 1,65% 1,83% 2,38%
25 anni 1,97% 2,03% 2,65%
30 anni 1,97% 2,03% 2,65%

Per quanto riguarda il tasso di interesse variabile, invece, questo è pari all’Euribor a 3 mesi (calcolato su 365 giorni) e maggiorato di 200 punti base: le rivelazioni vengono effettuate al 31 marzo, 30 giugno, 30 settembre e 31 dicembre.

Per quanto riguarda i costi, poi bisogna segnalare le spese di amministrazione pari allo 0,50% dell’importo totale erogato. Nessuna penalità, invece, è prevista nel caso in cui il titolare del contratto voglia estinguere il mutuo (pienamente o solamente di una parte) anticipatamente con pagamento in un’unica soluzione.

Importi

Prima di vedere come farne richiesta, secondo le nuove modalità indicate dall’Inps, ecco una tabella dove è indicato l’importo massimo finanziabile in base alla finalità del mutuo.

Finalità del mutuo Importo massimo erogabile
Acquisto di una casa di nuova costruzione da un’impresa costruttrice, o di un’unità abitativa da privato 300.000€
Ristrutturazione o ampliamento 40% del valore dell’immobile e comunque non superiore ai 150.000€
Acquisto box o posto auto 75.000€
Iscrizione Università, Conservatori di musica e Accademie delle belle arti 100.000€

Come richiedere il mutuo

A partire dal 15 gennaio 2019 è disponibile il servizio Inps per la richiesta online del mutuo. C’è tempo per inoltrare la richiesta fino al 10 ottobre 2019, dopodiché bisognerà attendere il 15 gennaio 2020 per effettuarla nuovamente.

Per farlo basta cliccare qui e selezionare “Domande mutui ipotecari edilizi”; a questo punto verrete reindirizzati all’applicativo accessibile però solamente tramite SPID o Pin Inps dispositivo.

La procedura è semplice:

  • invio della richiesta preliminare di mutuo;
  • risposta da parte dell’Inps entro 48 ore;
  • in caso di accettazione dell’istanza preliminare, il lavoratore (o il pensionato) può inoltrare la domanda di mutuo.
Manuale utente domanda online per il mutuo ipotecario
Per maggiori informazioni clicca qui e potrai scaricare il manuale Inps con le istruzioni dettagliate per la richiesta del mutuo ipotecario riservato ai dipendenti pubblici.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories