Morto Sean Connery a 90 anni: il cinema dice addio alla sua star

Muore a 90 anni Sean Connery, leggenda del cinema, volto indimenticabile di film di intramontabile successo, come la serie dell’agente 007.

Morto Sean Connery a 90 anni: il cinema dice addio alla sua star

Il cinema è in lutto: è morto Sean Connery a 90 anni.

L’attore britannico è un’icona della pellicola, volto indimenticabile di personaggi ormai nella storia cinematografica mondiale. Dall’interpretazione di James Bond a Il nome della Rosa, fino agli Intoccabili, la carriera di Connery è degna di nota.

Vincitore di un premio Oscar e tre Golden Globe, l’attore originario di Edimburgo ha lasciato il segno nel mondo del cinema.

Per questo, la notizia della morte di Sean Connery ha lasciato un velo di tristezza a tutti gli appassionati della pellicola.

Il cinema mondiale piange per la morte di Connery

Sir Sean Connery è morto durante la notte del 30 ottobre nel sonno, mentre era alle Bahamas. Già da qualche tempo erano emerse indiscrezioni sul suo stato di salute, facendo intuire che non stesse bene.

Di umili origini, il giovanissimo scozzese aveva fatto diversi lavori prima di iniziare a camminare sulla strada dorata del cinema.Da muratore a lavapiatti fino a verniciatore di bare, Connery è arrivato al successo per caso, facendosi notare a un Mister Universo degli anni ’50. Da lì, la sua vita è stata un crescendo di notorietà e spessore nel cinema.

La sua carriera di attore ha attraversato decenni, lasciando nelle memoria indimenticabili interpretazioni, prima fra tutte quella dell’agente 007 negli anni ’60. Il suo è stato il primo volto del personaggio, poi diventato leggendario, di James Bond.

L’agente segreto britannico nato dalla penna di Ian Fleming è entrato nella storia cinematografica proprio grazie a Connery, primo interprete del personaggio, scelto con successo da Albert Broccoli e Hanry Saltzman.

Il suo Oscar è arrivato nel 1988, quando è stato nominato miglior attore non protagonista per il suo ruolo di poliziotto irlandese in “Gli intoccabili”. Da ricordare anche le interpretazioni in “Marnie”, “Assassinio sull’Orient Express”, “Il nome della Rosa”, che gli valse il premio BAFTA, “Caccia a ottobre rosso”, “Sono affari di famiglia”, “The Rock”, “Scoprendo Forrest”, “La leggenda degli uomini straordinari” (ultima pellicola).

È stato nominato cavaliere dalla regina all’Holyrood Palace nel 2000. Dal 2005 non ha più lavorato per il cinema, rifiutando ruoli in “Il signore degli anelli” e “Harry Potter”

Ad agosto 2020 ha festeggiato il suo novantesimo compleanno. Della sua vita privata non si hanno molte notizie, essendo sempre stato piuttosto discreto. La sua prima moglie è stata l’attrice australiana Diane Cilento, dalla quale ha avuto un figlio, Jason, attore anche lui. Si è poi risposato con la pittrice Micheline Roquebrune.

Sean Connery è stato sempre molto legato alle sue origini scozzesi, tanto da farsi vedere in pubblico anche con il tradizionale gonnellino kilt. Inoltre, ha appoggiato apertamente l’indipendenza della Scozia nel 2014, sostenendo il Partito Nazionale Scozzese.

Sensibile al tema dell’ambiente, l’attore era membro e seguace dell’organizzazione per la protezione della vita marina Sea Shepherd, di Save the Bays, per difendere la costiera delle Bahamas e delle campagne a favore della lotta climatica di Al Gore.

La morte di Sean Connery lascia indubbiamente un vuoto nel cinema mondiale.

Argomenti:

cinema

Iscriviti alla newsletter

Money Stories