Modello ISEE 2019: documenti per il calcolo e scadenza

Modello ISEE 2019: quali documenti servono e come fare il calcolo? Di seguito tutte le istruzioni per il rilascio della DSU con le novità relative alla scadenza di validità dell’attestazione INPS.

Modello ISEE 2019: documenti per il calcolo e scadenza

Modello ISEE 2019, calcolo e documenti: facciamo il punto sulle informazioni necessarie per richiedere il rilascio dell’attestazione necessaria per l’accesso alle prestazioni sociali agevolate.

Mai come in questo periodo sono molti i contribuenti che si chiedono quali documenti servono per richiedere il modello ISEE, visto l’imminente avvio della fase di presentazione della domanda per accedere al reddito di cittadinanza.

Il calcolo dell’ISEE viene effettuato dall’INPS partendo dalle informazioni contenute nella DSU, che deve essere compilata prendendo come riferimento i documenti relativi ai redditi ed al patrimonio posseduto dal contribuente e dai componenti del proprio nucleo familiare.

L’ISEE, Indicatore della Situazione Economica Equivalente, è il parametro utilizzato ormai da anni per l’accesso a numerose prestazioni sociali agevolate. Nel 2019 servirà per l’accesso al reddito di cittadinanza e per la pace fiscale, nonché per i bonus rivolti a neo-mamme e studenti.

Tra le novità che riguardano il modello ISEE 2019 vi è la nuova scadenza, sdoppiata per le DSU presentate fino ad agosto e da settembre in poi: la validità sarà rispettivamente fino a dicembre o fino ad agosto del 2020.

Di seguito affronteremo nel dettaglio il tema perché a fronte delle numerose agevolazioni previste, sono in tanti i contribuenti interessati a come richiedere il modello Isee 2019, che può essere compilato anche online accedendo al sito dell’INPS.

Modello ISEE 2019: come presentare la DSU

Per richiedere il nuovo modello ISEE 2019 è necessario presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), un documento che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di ogni nucleo familiare.

La Dichiarazione Sostitutiva Unica per il calcolo del modello ISEE 2019 può essere presentata:

  • all’Ente che eroga la prestazione sociale agevolata
  • al comune
  • a un Centro di Assistenza Fiscale (Caf)
  • direttamente per via telematica presso le sedi INPS oppure collegandosi al sito internet www.inps.it , nella sezione Servizi On-line - Servizi per il cittadino.


Per la compilazione della DSU è necessario essere in possesso di specifici documenti, che elencheremo di seguito.

Modello ISEE 2019: elenco documenti necessari per il calcolo della DSU

Per compilare la DSU ai fini del calcolo del modello ISEE 2019 occorrono diversi documenti, qui di seguito elencati, che ogni nucleo familiare dovrà presentare al Caf o al proprio commercialista.

I documenti necessari per il rinnovo del modello Isee sono i seguenti:

  • stato di famiglia;
  • codice fiscale;
  • documento d’identità valido;
  • ultima dichiarazione dei redditi (modello UNICO o modello 730);
  • certificazione dei redditi (Certificazione Unica, ex CUD);
  • contratto d’affitto e copia dell’ultimo canone versato;
  • saldo contabile dei depositi bancari e postali;
  • estratti conto con giacenza media annuale dei depositi bancari e postali al 31/12/2018;
  • azioni o quote detenute presso società od organismi di investimento collettivo di risparmio;
  • dati patrimonio immobiliare così come risultanti da visura catastale;
  • contratto di assicurazione sulla vita.

Ciascun membro del nucleo familiare dovrà quindi presentare questi documenti, utili per il calcolo dell’ISEE 2019, fatta eccezione per quelli che non sono titolari di reddito da lavoro.

Questi ultimi quindi non dovranno presentare la dichiarazione dei redditi da modello Unico o modello 730, ma saranno comunque tenuti a presentare la Certificazione Unica dei redditi di due anni fa.

Oltre ai documenti già elencati ne occorrono altri per il calcolo del modello ISEE 2019 e per la DSU, tra cui:

  • certificati di invalidità;
  • documentazione attestante compensi, indennità, trattamenti previdenziali e assistenziali, redditi esenti ai fini Irpef, redditi prodotti all’estero, borse e/o assegni di studio, assegni di mantenimento per coniuge e figli, compensi erogati per prestazioni sportive dilettantistiche (ivi compreso somme percepite da enti musicali, filodrammatiche e similari).

Documenti patrimonio mobiliare e immobiliare per il calcolo della DSU

Per il calcolo del modello ISEE 2019 e per la DSU il cittadino deve presentare anche i documenti che attestano il proprio patrimonio mobiliare e immobiliare al 31/12/2018.

Gli utenti dovranno infatti presentare:

  • titoli di stato, buoni postali, partecipazioni azionarie, obbligazioni, BOT, CCT, buoni fruttiferi, fondi d’investimento, forme assicurative di risparmio ecc;
  • saldo e giacenza media annua di estratti conto correnti, depositi bancari e postali, libretti postali e simili.
  • mutui (Certificazione della quota capitale residua dei mutui stipulati per l’acquisto e/o la costruzione degli immobili di proprietà) o case di proprietà (Certificati catastali, atti notarili di compravendita, successioni);
  • assicurazioni sulla vita;
  • targa o estremi di registrazione al P.R.A. e/o al hjR.I.D. di autoveicoli e motoveicoli di cilindrata pari o superiore a 500cc, di navi e imbarcazioni da diporto, posseduti alla data di presentazione della dichiarazione.

Documenti ISEE per i portatori di handicap

I portatori di handicap devono presentare i seguenti documenti per il calcolo del modello ISEE 2019:

  • Certificazione dell’handicap attestante la denominazione dell’ente che ha rilasciato il documento, il numero identificativo e la data di rilascio;
  • Spese pagate per l’assistenza personale e/o per il ricovero presso strutture residenziali;

    Per ulteriori informazioni si consiglia di visitare il sito dell’INPS nella sezione Come compilare la DSU e richiedere l’ISEE.

Calcolo modello ISEE 2019

I documenti presenti nell’elenco di cui sopra serviranno all’INPS per effettuare il calcolo del modello ISEE per l’anno di richiesta. Le indicazioni su come viene calcolato il valore dell’attestazione sono contenute sul sito dell’Istituto.

L’INPS, dopo aver ricevuto la DSU compilata dal contribuente e attingendo dalla propria banca dati e dalle informazioni in proprio possesso, determinerà il valore dell’ISEE effettuando un rapporto tra l’Indicatore della Situazione Economica (ISE) e il parametro desunto dalla scala di equivalenza di seguito riportata

Numero dei componentiParametro
1 1,00
2 1,57
3 2,04
4 2,46
5 2,85

In merito al valore della scala di equivalenza, per il calcolo dell’ISEE è prevista l’applicazione di alcune maggiorazioni, pari a:

  • 0,35 per ogni ulteriore componente;
  • 0,5 per ogni componente con disabilità media, grave o non autosufficiente;
  • 0,2 in caso di presenza nel nucleo di tre figli, 0,35 in caso di quattro figli, 0,5 in caso di almeno cinque figli;
  • 0,2 per nuclei familiari con figli minori, elevata a 0,3 in presenza di almeno un figlio di età inferiore a tre anni compiuti, in cui entrambi i genitori o l’unico presente abbiano svolto attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi nell’anno di riferimento dei redditi dichiarati. La maggiorazione si applica anche in caso di nuclei familiari composti esclusivamente da un solo genitore non lavoratore e da figli minorenni. Ai soli fini della maggiorazione, fa parte del nucleo familiare anche il genitore non convivente, non coniugato con l’altro genitore che abbia riconosciuto i figli, a meno che non ricorrano casi specifici.


Per la determinazione del parametro della scala di equivalenza, il componente del nucleo che sia beneficiario di prestazioni sociosanitarie residenziali a ciclo continuativo o si trovi in convivenza anagrafica e non sia considerato nucleo familiare a sé stante, incrementa la scala di equivalenza calcolata in sua assenza di un valore pari a 1.

Scadenza modello ISEE 2019: le novità sul termine di validità

Fino allo scorso anno, il modello ISEE era valido dalla data di rilascio e fino al 15 gennaio dell’anno successivo.

L’articolo 10, comma 4, decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147, ha modificato la validità delle DSU ai fini ISEE, stabilendo che dal 1° gennaio 2019, la dichiarazione sia valida dalla data di presentazione fino al successivo 31 agosto.

Il decreto legge che ha introdotto il reddito di cittadinanza (DL n. 4 del 28 gennaio 2019) ha ulteriormente modificato tale comma, prorogando al 31 dicembre 2019 il periodo di validità e di scadenza delle sole DSU presentate dal 1° gennaio 2019 al 31 agosto 2019.

Pertanto, alle DSU presentate nell’anno 2019, a legislazione vigente, si applicano le seguenti regole e scadenze:

  • le Dichiarazioni Sostitutive Uniche (DSU) presentate dal 1° gennaio al 31 agosto 2019 sono valide dal momento della presentazione sino al 31 dicembre 2019 (ad es., una DSU presentata il 10 febbraio 2019 è valida dal 10 febbraio 2019 al 31 dicembre 2019). Si precisa che le DSU già attestate che recavano data scadenza 31 agosto 2019, sono state aggiornate sul portale con la nuova data di scadenza. Pertanto, le attestazioni ISEE, già rilasciate, con data scadenza del 31 agosto 2019 devono essere considerate valide e con scadenza 31 dicembre 2019;
  • le Dichiarazioni Sostitutive Uniche (DSU) presentate dal 1° settembre al 31 dicembre 2019 sono valide dal momento della presentazione al 31 agosto 2020 (ad esempio, una DSU presentata il 1° ottobre 2019 è valida dal 1° ottobre 2019 sino al 31 agosto 2020).

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su ISEE

Argomenti:

ISEE INPS

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.