MINI John Cooper Works parteciperà alla 24h del Nurburgring

Marco Lasala

22 Aprile 2022 - 10:49

condividi

A distanza di una pausa durata dieci lunghi anni, MINI John Cooper Works tornerà a gareggiare nella leggendaria 24 ore del Nurburgring nella classe SP3T.

MINI John Cooper Works è pronta a scendere in pista, questa volta in occasione della 24 ore del Nurburgring. Una gara di resistenza leggendaria che mette a dura prova uomo e vettura, l’auto da corsa inglese sarà portata in pista dal Team privato Bulldog Racing.

La cinquantunesima edizione della storica competizione si svolgerà dal 26 al 29 maggio sul tracciato del Nordschleife del Nurburgring lungo 25,738 chilometri, la MINI John Cooper Works gareggerà nella classe SP3T.

La compatta sportiva inglese allestita a Nurburg è stata oggetto di una serie di modifiche che l’hanno resa più sicura e idonea alla partecipazione di una gara di durata famosa in tutto il mondo.

MINI John Cooper Works: motore e prestazioni

MINI John Cooper Works - 24h Nurburgring MINI John Cooper Works - 24h Nurburgring

La tre porte made in UK è spinta da un potente motore turbo, un quattro cilindri da 306 cavalli (225 kW) e 450 Nm di coppia massima, che equipaggia anche le JCW Clubman e JCW Countryman. Il cambio automatico è uno Steptronic a 8 rapporti, presente un differenziale autobloccante in grado di ripartire la coppia motrice fino al 70%, per prestazioni sempre in linea con le aspettative.

Secondo quanto dichiarato dalla Casa madre, la JCW da 306 cavalli, raggiunge una velocità massima di 265 km/h per uno 0 - 100 km/h in 5.2 secondi.

MINI John Cooper Works: modifiche per la 24h del Nurburgring

MINI John Cooper Works - 24h Nurburgring MINI John Cooper Works - 24h Nurburgring

Partendo da un’ottima base di partenza il Team Bulldog Racing ha apportato diverse modifiche al fine di rendere la vettura in linea con gli standard previsti per la classe SP3T:

  • rollbar;
  • serbatoio carburante da 100 litri;
  • modifiche alla carrozzeria;
  • alettone posteriore regolabile;
  • sottoscocca carenato;
  • estrattore aria posteriore;
  • splitter anteriore;
  • vetri in Makrolon;
  • sospensioni regolabili in estensione e compressione;
  • telaio con uniball rinforzati;
  • impianto di scarico con catalizzatore racing;
  • impianto frenante con componenti BMW M Performance.

Argomenti

# BMW

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it