Mercati incerti: anche le Borse temono una nuova ondata di contagi. Che succede?

I mercati oggi alle prese con le preoccupazioni riguardanti la possibile nuova ondata di contagi. Che succede?

I mercati oggi sono tornati a scambiare in preda alle preoccupazioni riguardanti la possibile nuova ondata di contagi da coronavirus, che ha già fatto scattare l’allarme in alcuni Paesi.

In Cina, e più nello specifico a Wuhan, è esploso un nuovo focolaio, mentre in Corea del Sud il numero di infetti è improvvisamente aumentato.

Tanto è bastato ai mercati oggi per mettere da parte il timido ottimismo degli ultimi tempi e per riprendere nuovamente la via dell’incertezza e della paura.

Mercati oggi: che sta succedendo?

L’andamento delle Borse asiatiche ha lasciato sin da subito presagire una nuova seduta all’insegna dell’incertezza per i mercati oggi. La maggior parte degli indici cinesi ha imboccato la via del ribasso, pur senza rossi particolarmente pesanti, mentre Hong Kong ha bruciato più dell’1% anche a causa dei deludenti dati sull’inflazione.

L’Australia ha lasciato sul campo più del singolo punto percentuale, mentre la Corea del Sud è riuscita a limitare le perdite intorno al -0,15%. Tokyo ha tentato a fatica di riportarsi sopra la parità, e lo stesso ha fatto la Nuova Zelanda.

In linea di massima, però, il sentiment dei mercati oggi è apparso piuttosto fiacco. Neanche l’osservazione dei futures europei e statunitensi ha lasciato ben sperare nelle prime ore della mattinata odierna.

Come anticipato, alcuni Paesi hanno dovuto fare i conti con una nuova ondata di contagi mentre gli investitori hanno guardato con sospetto anche gli ultimi sviluppi sul fronte USA-Cina visto che soltanto ieri notte l’amministrazione Trump ha bloccato gli investimenti in titoli cinesi da parte di un fondo di previdenza statale.

Le incertezze dei mercati oggi si sono inserite in un contesto più ampio in cui l’azionario ha comunque recuperato parzialmente terreno rispetto ai minimi del 23 marzo scorso. La sostenibilità del rally è però ancora in dubbio.

“Va bene dire che abbiamo contenuto la malattia. Ma quanto durerà la recessione?”

Si è chiesto Chris Rands della Nikko Asset Management di Sydney, che ha aggiunto:

“In genere, quando la disoccupazione impenna poi ci vogliono anni per aggiustare le cose, non tre mesi.”

Numerosi esperti di salute pubblica, tra cui quelli dell’OMS, hanno ripetutamente consigliato di non allentare troppo presto le restrizioni e i lockdown, proprio per impedire nuove ondate di contagi. Anche nelle prossime settimane, dunque, la questione verrà attentamente monitorata dagli investitori di tutto il mondo.

Se le infezioni torneranno a salire, i governi saranno costretti a introdurre nuove misure restrittive che avranno nuovamente conseguenze dal punto di vista economico. Il sentiment degli investitori potrebbe subire una nuova battuta d’arresto.

I mercati oggi, nel frattempo, continueranno probabilmente a scambiare in preda all’incertezza.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Borse

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories