Mercati governati dalla paura: i bond USA sono preferiti alle azioni

Lorenzo Bagnato

24 Aprile 2023 - 18:06

condividi

L’Equity Risk Premium ha raggiunto il livello più basso dal 2004, segnalando paura nei mercati.

Mercati governati dalla paura: i bond USA sono preferiti alle azioni

Gli investitori amano il rischio, è un semplice dato di fatto. Ogni volta che gli investitori preferiscono non rischiare a favore di asset sicuri, è un segnale oggettivo di pessimismo nel mercato. E il pessimismo spesso si traduce in performance peggiori per un’economia.

Secondo Refinitiv, l’Equity Risk Premium delle azioni statunitensi è ai livelli più bassi dal 2004.

L’Equity Risk Premium è un dato macroeconomico ottenuto sottraendo il rendimento finanziario delle azioni da un asset a basso rischio, solitamente le obbligazioni USA a 10 anni. Il rendimento previsto delle azioni è esso stesso calcolato utilizzando le previsioni a 12 mesi dell’S&P 500 diviso per il suo attuale livello di mercato. L’S&P 500 è, a sua volta, l’indice delle 500 società con le migliori prestazioni negli Stati Uniti.

Essenzialmente, l’Equity Risk Premium misura quanto gli investitori sono disposti ad acquistare azioni rispetto a bond statunitensi a 10 anni. Mentre i primi hanno una natura intrinsecamente rischiosa, i secondi sono considerati i beni più sicuri del pianeta. In effetti, qualsiasi esperto del settore suggerirà probabilmente di investire in obbligazioni statunitensi solo per preservare il denaro dall’inflazione piuttosto che ottenere rendimenti elevati.

Gli investitori generalmente preferiscono investire in azioni proprio per i loro rendimenti più elevati. Ora, tuttavia, non sono più attratti dal rischio e preferiscono proteggere i loro soldi da possibili crisi.

Perché gli investitori preferiscono i bond alle azioni

Quando i mercati sono dominati dall’ottimismo, gli investitori scommetteranno sulle azioni senza pensarci due volte. Sebbene più rischioso, l’S&P 500 è infatti sempre destinato a crescere in tempi normali.

Fino a una settimana fa, l’S&P 500 era in rialzo, segnalando un generale ottimismo del mercato. Questa crescita era, tuttavia, un castello di carte e non un reale segno di benessere economico.

La recente crescita è stata una conclusione naturale del recente salvataggio bancario della Federal Reserve americana, che ha immesso miliardi e miliardi di dollari nell’economia. Quando, la scorsa settimana, la Fed ha segnalato un ritiro fino a 800 miliardi di dollari, l’S&P 500 ha ricominciato la sua curva discendente.

L’ultima volta che l’Equity Risk Premium è stato così basso è stato prima della recessione del 2008 causata dallo scoppio della bolla immobiliare. Oggi molti esperti hanno indicato una situazione simile, ritenendo praticamente inevitabile una recessione nel 2023.

Il segnale effettivo che sta arrivando una recessione sarà la pubblicazione di questa settimana dei dati sul PIL negli Stati Uniti. Se l’economia americana si è ristretta nel primo trimestre del 2023, mancherà pochissimo alla recessione.

Questa settimana verrà pubblicato anche il PIL Europeo, consentendo agli investitori di capire quanto sia lontana anche l’UE dalla recessione.

Fino a quando questi dati non verranno rilasciati, i mercati saranno governati dalla paura.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-04-24 17:48:17. Titolo originale: Markets are governed by fear, investors prefer 10-years US bonds

Partner

Cambio generazionale

Strumenti e opportunità per le imprese

5 ottobre 2023

Swiss Chamber, via Palestro 2 - Milano

Argomenti

# Bond

Commenta:

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.