Marelli wBMS: il nuovo sistema wireless di gestione della batteria

Marco Lasala

25 Maggio 2022 - 08:00

condividi

Una novità interessante che consente di ridurre fino al 90% il cablaggio necessario per la gestione della batteria su di un’auto elettrica: Marelli lancia la nuova tecnologia wBMS.

Marelli lancia una nuova tecnologia rivoluzionaria denominata wBMS (acronimo di Wireless Distributed Battery Management System). Si tratta di un sistema in grado di eliminare fino al 90% del cablaggio necessario per consentire la comunicazione tra il pacco batteria e la centralina di controllo, una novità che sarà disponibile a partire dal secondo trimestre 2022.

Marelli è leader nella fornitura di tecnologie e servizi nell’automotive e allo scopo di ridurre la complessità dell’assemblaggio di un’auto elettrica ha semplificato i collegamenti tra il suo cuore energetico e il suo cervello elettronico.

Minore complessità, minor peso e volume dei cablaggi consentirà alle case automobilistiche di utilizzare pacchi batterie più voluminosi e conseguentemente più potenti, il sistema wBMS garantisce anche una maggior flessibilità nel posizionamento dei moduli della batteria.

Marelli wBMS: connessione wireless tra batteria e centralina

Nessun connettore, nessuna dispersione di corrente, ne deriva una maggior autonomia e la possibilità di utilizzare pacchi batteria diversi che si adattino alla conformazione del veicolo.

Razvan Panati, Head of Power Electronics Technology della divisione Vehicle Electrification di Marelli: “Il sistema BMS wireless rappresenta un punto di svolta per l’industria automotive, in quanto elimina la necessità di cavi, connettori e cablaggi tipici dei tradizionali sistemi di gestione della batteria. Il wireless BMS e il sistema BMS cablato di Marelli sono stati sviluppati con architetture di base identiche, supportate però da due modalità di comunicazione e interfacce diverse. La nostra tecnologia può essere così applicata a numerose piattaforme di veicoli con modifiche minime; questa flessibilità garantisce una significativa riduzione dei costi di ingegneria e consente a Marelli di rendere questa tecnologia di fascia alta accessibile al mercato di massa”.

Il wBMS utilizza una applicazione complessa che si avvale di algoritmi avanzati realizzati sulla base della tecnica “Sensor Fusion”, ovvero gli algoritmi stimano e calcolano diversi parametri fondamentali per ciascuna cella tra cui la potenza, stato di salute e carica residua, inviando le informazioni alla centralina che così ne ottimizza il funzionamento.

In pratica se il BMS rappresenta sulle attuali auto elettriche il cervello della batteria, il wBMS svolge esattamente la stessa funzione ma con maggiore rapidità per via del collegamento wireless e conseguentemente con minore dispersione di energia.

Marelli studia nuove tecnologie modulari

Nel futuro le auto elettriche dovranno essere sempre più efficienti, leggere e autonome, su questo principio la Marelli lavora al fine di trovare soluzioni apparentemente semplici che possono aiutare nella gestione e ottimizzazione dell’energia di un veicolo a zero emissioni.

Con 170 stabilimenti e centri di ricerca e sviluppo presenti in Asia, Europa, Africa e America, la mission di Marelli è quella di trasformare il futuro della mobilità, con progetti sostenibili che puntino sempre più a una connettività allargata e condivisa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it