Comunali a Roma e Milano, M5S e PD sosterranno la stessa candidatura?

L’ex capo politico dei 5 Stelle, dopo il voto su Rousseau, apre ad alleanze con il PD

Comunali a Roma e Milano, M5S e PD sosterranno la stessa candidatura?

Il Movimento 5 Stelle apre ufficialmente alle alleanze strutturali con il Partito Democratico. E lo fa all’indomani dello storico voto su Rousseau che ha sancito per sempre l’uscita dalle fase “movimentista”, e l’ingresso in quella del partito, con l’eliminazione della regola del secondo mandato e la possibilità di allearsi con altri partiti.

A fare l’annuncio è il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, il de facto capo politico dei pentastellati nonostante le dimissioni d’inizio 2020.

Di Maio apre ad alleanze con il PD

Nel corso di un’intervista alla Stampa, Di Maio ha parlato per la prima volta di una vera e propria rivoluzione interna al Movimento: “I nostri iscritti hanno chiaramente detto di voler evolvere facendo evolvere il Movimento. In quasi 10 anni è cambiato il mondo ed è cambiata l’Italia. Non credo sia il momento di fare previsioni, ma è evidente che ora si possono porre le basi anche per le comunali del 2021”.

Insomma, il PD non viene mai nominato, ma è chiaro che il secondo azionista del Governo Conte sia il diretto interessato. Anche se Nicola Zingaretti non è (ancora) intenzionato a cedere così facilmente Roma. Proprio ieri, il segretario dem tuonava: “Non sosterremo mai la Raggi, cinque anni drammatici”. Ma d’altronde Zingaretti un anno fa aveva anche detto «mai al governo con i 5 Stelle».

PD ed M5S sosterranno un’unica candidatura a Roma e Milano?

Eppure Di Maio pensa al PD per un aiuto a mantenere proprio il Campidoglio: “Si voterà a Milano, Roma, Torino, Bologna e Napoli e io spero che ci possa essere una intesa complessiva”, ha detto il grillino.

Che Zingaretti sia disposto a cambiare idea in cambio di un sostegno a Beppe Sala a Milano? Giusto pochi giorni fa il sindaco dem è andato a trovare Beppe Grillo in Liguria, e il tema comunali deve essere saltato fuori (la blanda smentita qui sotto è solo una conferma).

Si è aperto un percorso nuovo e vero, insiste Di Maio, che in questa fase Vito Crimi sta gestendo molto bene, e ora spetterà alle rispettive forze politiche aprire un tavolo per strutturare una risposta adeguata alle esigenze dei territori, insieme anche alle liste civiche che sentiranno di sposare quel percorso. Noi non rinunceremo mai ai nostri valori”.

Calenda: “Hanno distrutto i dem”

Carlo Calenda, spettatore interessato, intanto lancia la sua teoria sul Messaggero: il PD - è la sua previsione - presenterà “un candidato debole per spartirsi Roma con i 5 Stelle”.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO