Luca De Meo nominato Cavaliere del Lavoro da Sergio Mattarella

Marco Lasala

3 Giugno 2022 - 11:32

condividi

In occasione della Festa della Repubblica, nella giornata di giovedì 2 giugno, Luca De Meo è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Luca De Meo è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Un’onorificenza che ogni anno viene conferita a imprenditori italiani che operando nei cinque settori del commercio, dell’agricoltura, dell’artigianato, del commercio e dell’attività creditizia e assicurativa, si sono contraddistinti per il loro operato.

Un titolo prestigioso, che premia solo chi dopo aver brillantemente operato nel proprio settore continuativamente per oltre 20 anni, con grande responsabilità, ha contribuito allo sviluppo e crescita dell’impresa, Luca De Meo attualmente ricopre la carica di Amministratore Delegato del Gruppo Renault.

È il primo cittadino non francese a ricoprire nei 122 anni di storia del marchio Renault, un incarico così prestigioso, l’unico cittadino italiano residente all’estero a ricevere l’onorificenza di Cavaliere del Lavoro.

Luca De Meo CEO Gruppo Renault

È un immenso onore per me ricevere un’onorificenza così prestigiosa. Da italiano nel mondo, questo riconoscimento ha un significato davvero speciale. Mai avrei pensato di arrivare a tanto quando, a 7 anni, scendendo dalla Fulvia HF di Arnaldo Cavallari in Costa d’Avorio, decisi di dedicare la mia vita all’automobile. Ho messo la mia carriera al servizio di questa industria e dell’automobile che ho amato, ed amo ancor di più oggi, ora che tutto sta cambiando. Vedo in questa onorificenza un riconoscimento a tutti gli uomini e le donne che mi hanno accompagnato, fin dall’inizio, qualcuno sin dai banchi universitari e vedo anche un riconoscimento allo sforzo fatto per aggiungere un granello di sabbia in più all’eccellenza imprenditoriale italiana e alla sua promozione”.

Luca De Meo: una storia di successi

Entrato in Renault a luglio del 2020, in un momento di profonda crisi mondiale del mercato automobilistico è stato fautore nel 2021 del piano strategico di rilancio “Renaulution”, sotto la sua guida, il marchio francese è tornato in attivo, con incrementi dei ricavi del 6,3% rispetto al 2020 e del 16,8% rispetto al 2019.

Cavaliere del Lavoro è nominato chi ha mostrato nel proprio ambito lavorativo, un esemplare integrità civica e morale, accompagnata dal rispetto dei principi etici, della sostenibilità ambientale e sociale e di una buona governance.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it