Omofobia e omotransfobia: cosa prevede la legge Zan

Estendere i reati d’odio anche all’omofobia e alla omotransfobia per arginare gli episodi di violenza e discriminazione: lo prevede la proposta di legge del deputato Alessandro Zan, esponente della comunità LGBT.

Omofobia e omotransfobia: cosa prevede la legge Zan

Introdurre il reato di omotransfobia per chi discrimina, minaccia e aggredisce gay e trans: questo l’oggetto della proposta di legge appena approdata alla Camera e che potrebbe entrare in vigore entro la fine dell’estate.

Promotore della legge contro l’omofobia e la misoginia il deputato Alessandro Zan (PD), noto per le battaglie politiche a tutela delle coppie di fatto, che ha avuto il merito di uniformare i diversi ddl sul tema già presentati in passato e sospesi per varie ragioni, ultima fra queste l’emergenza coronavirus.

Se il testo entrasse in vigore, verrebbero modificati gli articoli 604-bis bis e 604-ter del Codice penale sui reati di violenza e discriminazione, introducendo una specifica fattispecie per i comportamenti discriminatori motivati dall’orientamento sessuale.

Così il deputato Zan:

“Chi è oggetto di stigma nella società ha bisogno di una tutela rafforzata, come ha chiarito anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo messaggio nella giornata mondiale contro l’omotransfobia, quando ha detto che le discriminazioni sessuali violano il principio di uguaglianza.”

Omofobia e omotransfobia: cosa sono e perché serve una legge

Termini come omofobia e omotransfobia fanno parte sempre più del nostro vocabolario, purtroppo a causa dei frequenti episodi di cronaca di matrice violenta, diffamatoria e discriminatoria.

L’omofobia (la paura e l’odio nei confronti degli omosessuali) e l’omotransfobia (paura e odio di coloro che hanno cambiato o stanno cambiando sesso) al momento non hanno una esplicita previsione all’interno del Codice penale; invece la proposta del deputato Zan mira ad aumentare la tutela legislativa inasprendo le pene per chi commette crimini motivati dall’orientamento sessuale altrui. In altre parole verrebbe introdotta una tutela rafforzata nei confronti delle persone gay e trans cui corrispondono sanzioni più severe verso i colpevoli.

Legge contro omofobia e transfobia: cosa prevede

Quello in discussione alla Commissione Giustizia della Camera è un bozza - che deve essere perfezionata - e costituisce il nucleo base di una legge organica contro l’omotransfobia e la misoginia, in accoglimento di diverse direttive europee a tutela dei soggetti “deboli” e più a rischio di discriminazioni sul lavoro, bullismo, persecuzioni e gesti violenti.

Una legge che ha lo scopo di “Contrastare i crimini d’odio”, come afferma il deputato Alessandro Zan, lui stesso vittima di minacce e insulti in ragione delle sue scelte sessuali.

La legge è attualmente al vaglio dei deputati e - salvo deroghe e colpi di scena - dovrebbe entrare in vigore entro la fine dell’estate. Il testo riunisce diversi precedenti progetti contro l’omofobia, in particolare i ddl Boldrini, Scalfarotto e Bartolozzi, e prevede una circostanza specifica per le discriminazioni rivolte contro persone omosessuali e trans, rafforzando quanto già stabilito nella legge Mancino (legge 25 giugno 1993): al divieto di discriminazione per motivi “razziali, etnici o religiosi” si aggiungono quelli fondati “sul genere e sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere”.

Una proposta di legge che non solo tutela i diritti della comunità LGBT ma punisce anche il sessismo e la misoginia; difatti le donne sono i soggetti più colpiti da violenza, emarginazione, demansionamento e discriminazione sul lavoro.

La proposta - come era prevedibile - non piace alla CEI (Conferenza episcopale italiana), secondo la quale in Italia non ci sarebbe bisogno di una legge ad hoc per i diritti di gay e trans, in quanto la Costituzione e la stessa legge Mancino assicurano la parità di trattamento. I fatti però hanno dimostrato e continuano a dimostrare il contrario.

Così riporta una nota pubblicata agli inizi di giugno dalla Conferenza episcopale:

“un’eventuale introduzione di ulteriori norme incriminatrici rischierebbe di aprire a derive liberticide, per cui, più che sanzionare la discriminazione, si finirebbe col colpire l’espressione di una legittima opinione”.

Nessun reato di opinione precisa Laura Boldrini, che da anni fa del reato di omofobia una battaglia politica; il testo presentato, infatti, mira a punire chi commette o istiga a commettere reati contro gay e trans e non tocca la libertà di espressione del pensiero e la propaganda di idee.

Argomenti:

Laura Boldrini Legge

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1427 voti

VOTA ORA