Sconti benzina 2022 per disabili ai sensi della legge 104: quanto si risparmia e dove

Rosaria Imparato - Claudia Cervi

6 Giugno 2022 - 12:53

condividi

Sconti benzina 2022 per i disabili. Quanto si risparmia e dove con il progetto «Self per tutti», per fare benzina con l’aiuto dell’operatore al prezzo del self-service. Le novità sulla legge 104.

Sconti benzina 2022 per disabili ai sensi della legge 104: quanto si risparmia e dove

Legge 104, sconti benzina per disabili anche nel 2022.

Prosegue anche quest’anno l’iniziativa promossa nel febbraio 2020 dalle associazioni che difendono i diritti dei disabili in accordo con i rappresentanti dei distributori di carburanti e che consente alle persone con difficoltà motorie di fare benzina con l’aiuto dell’operatore beneficiando del prezzo del self-service.

Una sorta di self-service assistito, insomma, e nonostante possa apparire come una contraddizione in termini, grazie al Protocollo d’intesa “Self per tutti” finalmente anche i disabili possono usufruire degli sconti quando fanno il pieno.

Sono oltre 430 le stazioni di servizio che hanno aderito all’iniziativa, sia sulla viabilità stradale che autostradale, distribuite sull’intero stivale.

È senza dubbio un passo avanti verso le pari opportunità e una società più inclusiva nei confronti delle persone con disabilità.

Legge 104, sconti benzina 2020 per disabili

A partire da febbraio 2020 i disabili hanno diritto a sconti sulla benzina grazie al Protocollo d’intesa “Self per tutti”, sottoscritto il 3 dicembre scorso tra la FAIP Onlus (Federazione delle Associazioni Italiane delle Persone con lesione del midollo spinale), da Unione Petrolifera, e dai gestori rappresentati dalle Associazioni di categoria FAIB Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio.

Grazie all’accordo, i disabili con difficoltà motorie e i cargivers potranno usufruire degli sconti del self-service, anche se verranno assistiti dal personale della stazione di servizio.

Sono più di 430 le pompe di benzina, anche in autostrada, delle associate ENI, Q8 e Tamoil, che hanno aderito all’iniziativa.

Si tratta di un progetto che punta alla promozione e al sostegno dell’inclusione sociale, le pari opportunità e l’accesso ai servizi per le persone con disabilità, anche nel semplice contesto della pompa di benzina.

Ciò consente un risparmio (anche fino a 10 centesimi al litro) anche se non è il disabile stesso a eseguire il rifornimento.

Questa agevolazione va ad aggiungersi alle altre spettanti a chi si trova in stato di disabilità e ha ottenuto il riconoscimento della legge 104 per l’acquisto di veicoli.

Ricordiamo che questi incentivi non spettano solo al disabile, ma si estendono anche ai familiari che se ne prendono cura, i cosiddetti caregivers.

Per quanto riguarda l’acquisto dell’auto, i benefici di cui si può usufruire tramite la legge 104 sono la detrazione IRPEF del 19% della spesa sostenuta per comprare la macchina l’IVA agevolata, quindi al 4%, invece di quella ordinaria del 22%.

Sconti benzina 2022 per disabili grazie al «Self per tutti»: ecco come fare

Sul sito dell’Unione Petrolifera è possibile consultare un elenco, aggiornato a febbraio 2020, di tutte le pompe di benzina e stazioni di servizio che hanno aderito in tutta Italia, diviso per regioni e città, con tanto di indirizzo.

In ogni caso, gli impianti di distribuzione carburanti aderenti all’iniziativa saranno caratterizzati da apposito logo, predisposto in modo ben visibile e a cura dei titolari degli impianti stessi, così che l’identificazione avvenga in modo rapido.

Per accedere agli sconti benzina disabili 2022 non c’è bisogno di fare domanda o riempire alcun modulo.

Basta solo recarsi presso una delle stazioni di servizio che aderiscono all’iniziativa: innanzitutto, il personale identificherà lo stato di disabilità del richiedente, e poi fornirà assistenza nel rifornimento, senza che venga perso lo sconto di solito effettuato per la modalità self-service.

Iscriviti a Money.it