Cosa posso insegnare con la mia laurea: le tabelle delle classi di concorso

Chiara Ridolfi

10 Marzo 2021 - 13:13

condividi

Quali materie posso insegnare? La risposta si trova nelle tabelle delle classi di concorso, che indicano, per ciascuna laurea e percorso di studi, le materie che si possono insegnare e in quali scuole.

Cosa posso insegnare con la mia laurea: le tabelle delle classi di concorso

Cosa posso insegnare con la mia laurea? Una domanda che moltissimi neolaureati si sono posti una volta concluso il loro percorso di studi. Per comprendere quali sono le materie che si possono insegnare a scuola si deve fare riferimento alle tabelle delle classi di concorso, in cui vengono indicate gli insegnamenti possibili per ciascuna laurea e soprattutto il tipo di scuola in cui si può operare.

Ricordiamo che avere una laurea è requisito essenziale per diventare insegnanti di ruolo nella scuola secondaria (di I o II grado) e prendere parte ai concorsi per docenti. Oltre a questo requisito è necessario anche aver conseguito i 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Questi crediti formativi sono infatti necessari non solo per partecipare ai concorsi per docenti, ma anche per effettuare l’iscrizione in terza fascia.

Per sapere a quali classi di concorso è possibile iscriversi e per quali materie è possibile effettuare la richiesta di insegnamento è possibile fare riferimento alle tabelle - aggiornate dal DPR 19/2016 - delle classi di concorso dove sono indicati gli indirizzi di studio della scuola secondaria con i titoli necessari per poterle insegnare.

Di seguito vediamo in che modo insegnare nelle varie tipologie di scuola e soprattutto quali sono le classi di concorso in base alle tabelle del MIUR.

Lauree per insegnare nelle scuole medie e superiori

Per le scuole medie e superiori è richiesta la conoscenza specifica di una materia, che si potrà andare a insegnare nel caso in cui si soddisfino i criteri stabiliti dalle tabelle del MIUR. In base della laurea conseguita è infatti possibile iscriversi ad una differente classe di concorso, diversa a seconda della materia e del grado di insegnamento.

Per comprendere bene a quale classe di concorso è possibile presentare la domanda vi consigliamo di guardare le tabelle delle classi di concorso aggiornate di seguito, dove sono indicati tutti i titoli utili per le varie materie.

Tabelle classi insegnamento

Se la consultazione di questa tabella vi risultasse difficile vi consigliamo di utilizzare un dei tanti siti che permettono di comprendere più velocemente la classe di insegnamento di appartenenza semplicemente inserendo l’indirizzo di studio.

In quest’altra tabella, realizzata da CISL Scuola Sardegna, invece, viene specificata la scuola in cui è possibile insegnare a seconda della classe di concorso di cui fate parte; si tratta di uno strumento molto utile specialmente per coloro che vogliono inviare una domanda di messa a disposizione, ma non sanno a quale scuola rivolgersi.

Tabella di corrispondenza tra classi di concorso e indirizzo di studio nella scuola secondaria
Sai di quale classe di concorso fai parte ma non in quale scuola insegnare? Clicca qui e scarica la tabella dove trovi tutte le risposte necessarie.

Tabelle classi di concorso: le più ricercate

Per semplificare la vostra ricerca di seguito vi riportiamo un elenco dei titoli idonei all’iscrizione nelle classi di concorso più richieste, ossia quelle per cui c’è più possibilità di lavoro:

  • Professore di italiano, storia e geografia nella scuola media (classe di concorso A22): Conservazione dei beni culturali, Filosofia, Geografia, Lettere, Lingue e letterature straniere, Materie letterarie, Pedagogia, Scienze dell’educazione, Storia…
  • Professore di matematica e scienze nella scuola media (classe A28): Agricoltura tropicale e subtropicale, Astronomia, Chimica, Chimica e tecnologie farmaceutiche, Chimica industriale, Fisica, Ingegneria biomedica, Ingegneria chimica, Matematica, Scienze agrarie...
  • Professore di matematica nelle scuole superiori (classe di concorso A26): Astronomia, Discipline nautiche, Fisica, Informatica, Ingegneria (ogni indirizzo), Matematica, Matematica e Fisica, Scienze dell’informazione, Scienze fisiche e matematiche, Scienze matematiche, Scienze statistiche e demografiche, Scienze statistiche e attuariali, Scienze statistiche ed economiche...
  • Professore di italiano nelle scuole superiori (classe di concorso A12): Conservazione dei beni culturali, Filosofia, Geografia, Lettere, Lingue e letterature straniere, Materie letterarie, Pedagogia, Scienze dell’educazione, Storia…

Ribadiamo che queste sono solo alcune delle classi di concorso e che per comprendere bene quale tipologia di insegnamento sia possibile con la propria laurea è bene consultare le tabelle precedenti.

Laurea per insegnare nella scuola elementare

A differenza della scuola secondaria, dove l’insegnamento è aperto a varie lauree, nella scuola primaria c’è un vincolo ben preciso: possono diventare maestri o maestre coloro che sono in possesso della laurea magistrale (o quinquennale nel caso di nuovo ordinamento) in Scienze della formazione primaria, classe LM-85 Bis.

Per diventare insegnante nella scuola elementare è infatti necessaria una Laurea in Scienze della formazione primaria oppure aver conseguito un Diploma Magistrale o Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico entro l’anno scolastico 2001-2002. Solo con questi titoli è infatti possibile accedere all’insegnamento e presentare domanda per partecipare al concorso.

Argomenti

# Laurea
# Scuola

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO