Investire in tempi di stagflazione: in focus i mercati emergenti

Violetta Silvestri

15 Agosto 2022 - 11:47

condividi

Recessione e inflazione stanno colpendo gli investitori: su cosa puntare in questo clima da stagflazione? Secondo gli esperti le nazioni emergenti vanno osservate con attenzione. I motivi.

Investire in tempi di stagflazione: in focus i mercati emergenti

Per la prima volta in circa 40 anni, gli investitori sono alla ricerca di una strategia di portafoglio in grado di vincere contro inflazione elevata e recessione contemporaneamente.

Come fare a trarre profitto da un quadro economico-finanziario così complesso e poco rassicurante, come quello che si aspetta la stagflazione? Non esiste una ricetta certa, ma alcuni analisti hanno un suggerimento: il tuo portafoglio dovrà includere alcuni asset dei mercati emergenti.

I motivi di questo consiglio: perché investire nelle nazioni emergenti? Cosa osservare.

I mercati emergenti nel portafoglio anti-stagflazione

Le azioni e le obbligazioni delle nazioni più povere sono crollate quest’anno a causa dell’inasprimento della Federal Reserve e dei prezzi al consumo alle stelle e potrebbero svendere ancora di più se l’economia globale cadesse in recessione.

Eppure, è nelle tasche delle economie emergenti che esistono gli antidoti alla stagflazione: crescita più rapida, politica accomodante e rendimenti adeguati all’inflazione. Ciò potrebbe sbloccare opportunità in diversi ambiti, dalle azioni indiane alla valuta brasiliana e alle obbligazioni cinesi. A sostenerlo è un’analisi Bloomberg che prende in esame alcune considerazioni.

“La stagflazione costringerà gli investitori a cercare sacche di crescita nel mondo e i mercati emergenti saranno i primi in linea, in particolare quelli più immuni dall’indebolimento della domanda globale, ha affermato Trinh Nguyen, economista senior di Natixis SA. “I Paesi che hanno enormi mercati interni in crescita che non solo proteggono le loro economie da una recessione globale, ma ne traggono anche vantaggio, andranno particolarmente bene.”

Il punto è che gli indici dei prezzi al consumo e la crescita si sono disaccoppiati, peggiorando contemporaneamente e richiedendo un paradigma di investimento completamente nuovo.

Innanzitutto, sebbene la stagflazione negli Stati Uniti e in Europa possa ostacolare le economie in via di sviluppo che dipendono dalle esportazioni, potrebbe favorire le nazioni con una forte domanda di consumo interno e una minore dipendenza dai mercati occidentali.

Ciò andrebbe a vantaggio dei Paesi con società focalizzate sul mercato interno e l’India si distingue in questo senso. Si prevede che la nazione, che ricava solo il 12% del suo prodotto interno lordo dalle esportazioni, crescerà più velocemente tra le principali economie nel 2023. Il suo mercato azionario è uno dei pochi a registrare un progresso quest’anno.

È probabile che le nazioni che offrono una sorta di “isolamento” dalle economie occidentali attirino l’interesse degli investitori. Ciò potrebbe assumere la forma di una minore vulnerabilità all’inflazione importata, di una minore necessità di capitali esteri o di divergenze di politica monetaria.

Sue Trinh, responsabile della strategia macro per l’Asia presso Manulife Investment Management, identifica Indonesia, Malesia e Vietnam come esempi. Gli investitori hanno già iniziato a favorire le obbligazioni in dollari di queste nazioni, inviando i loro premi per il rischio sovrano rispettivamente ai minimi degli ultimi sette, nove e due mesi.

Perché monitorare la Cina

La propensione della Cina verso una politica monetaria accomodante, un tema popolare per gli investitori globali dall’inizio dell’anno, potrebbe diventare ancora più convincente. La ritirata dell’inflazione di fabbrica, il tracollo del settore immobiliare e una fragile ripresa offuscata ancora dal Covid stanno mantenendo i responsabili politici impegnati a un ulteriore allentamento.

E la People’s Bank of China ha fatto proprio questo lunedì 15 agosto, abbassando inaspettatamente il tasso sui suoi prestiti ufficiali a un anno di 10 punti base al 2,75% nella prima riduzione di un tasso chiave da gennaio. Il tasso di pronti contro termine inverso a sette giorni è stato ridotto al 2% dal 2,1%. Alcuni analisti ora vedono ulteriori guadagni nelle obbligazioni cinesi, poiché le mosse di allentamento segnalano che la banca centrale sarà ancora accomodante.

“C’è il potenziale per alcuni, anche se non tutti, mercati emergenti di sovraperformare se la stagflazione colpisce i paesi sviluppati”, ha affermato Eugenia Victorino, responsabile della strategia per l’Asia presso SEB AB. “La Cina, un motore chiave dei mercati emergenti, sarà l’unico nel perseguire una politica di sostegno in mezzo al pregiudizio inasprimento in tutto il mondo.”

Luci e ombre degli asset dei Paesi emergenti

Poi c’è il Brasile, un’oasi in America Latina. Qui la crescita dei prezzi al consumo della nazione è diminuita a luglio, rispondendo a uno dei cicli di rialzo più aggressivi nei mercati emergenti. Ciò ha lasciato il Brasile con un rendimento reale di 3,68 punti percentuali, il più alto tasso corretto per l’inflazione tra i Paesi seguiti da Bloomberg.

Dato che la stagflazione potrebbe lasciare la maggior parte dei Paesi con tassi reali deboli, il rendimento del Brasile è un potenziale richiamo per i carry trader. Anche Cina e Vietnam potrebbero scoprire che i loro rendimenti positivi danno loro un vantaggio.

Tuttavia, niente di tutto ciò significa che i mercati emergenti sono immuni alla stagflazione nelle economie avanzate. Sarà, infatti, un duro colpo per l’asset class in generale, innescando deflussi di portafoglio e inviando gli investitori verso la valuta rifugio, il dollaro. È solo che anche in quelle turbolenze, l’unico posto in cui gli investitori possono ottenere un po’ di crescita, qualche stimolo e un po’ di rendimento è il mondo in via di sviluppo.

Iscriviti a Money.it