I paesi migliori per guadagnare e risparmiare più soldi: la classifica

Chiara Esposito

21 Agosto 2022 - 11:34

condividi

I dati OCSE indicano i Paesi in cui si risparmia di più. Cifre a confronto e classifica completa.

I paesi migliori per guadagnare e risparmiare più soldi: la classifica

La capacità delle famiglie e dei cittadini di risparmiare dipende da tanti fattori ma, mediamente, alcuni Stati possono dirti più virtuosi e risparmiatori - o più agevolati - nel mettere da parte un po’ di denaro ogni mese per proteggersi da pagamenti imprevisti o salvare una piccola somma per investirla nel proprio tempo libero.

A raccontare la realtà dei risparmiatori di tutto il mondo e le differenze nei budget che riescono ad accumulare ci ha pensato la testata di Expert Marketer, composta da un team di editors, scrittori e ricercatori che hanno incrociato due set di dati univoci dell’OCSE per calcolare quanto ogni paese può risparmiare in base al reddito familiare medio e al costo della vita.

I risultati, pubblicati in uno studio dedicato, mostrano ampie disparità da il top e il bottom della classifica così come anche il posizionamento non molto incoraggiante dell’Italia.

Dove si risparmia di più: la classifica completa

L’analisi del team si è concentrata su diversi valori di riferimento, riportati in ordine accanto a ogni «classificato» del lungo elenco stilato; parliamo di reddito medio annuo, risparmio medio delle famiglie, risparmio annuale, risparmio mensile, risparmio giornaliero e persino risparmio orario.

In vetta al ranking globale troviamo la Svizzera, ma il caso merita di essere approfondito in un secondo momento.

Partiamo dalla seconda posizione andando progressivamente a scendere.

  • Svezia ($ 40.909 / 15,72% / $ 6.430,49 / $ 535,87 / $ 17,62 / $ 0,73)
  • Norvegia ($ 50.908 / 9,11% / $ 4.638,23 / $ 386,52 / $ 12,71 / $ 0,53)
  • Australia ($ 50.167/ 9,23% / $ 4.627,91 / $ 385,66 / $ 12,68 / $ 0,53)
  • Germania ($ 44.925 / 9,52% / $ 4.278,21 / $ 356,52 / $ 11,72 / $ 0,49)
  • Francia ($ 41.252 / 8,89% / $ 3.666,48 / $ 305,54 / $ 10,05 / $ 0,42)
  • Austria ($ 46.084 / 7,8% / $ 3596,4 /$ 299,70 / $ 9,85 / $ 0,41)
  • Olanda ($ 50.670 / 6% / $ 3.039,19 / $ 253,27 / $ 8,33 / $ 0,35)
  • Stati Uniti ($ 58.714 / 4,97% / $ 2.916,32 / $ 243,03 / $ 7,99 / $ 0,33)
  • Danimarca ($ 50.024 / 4,97% / $ 2.487,19 / $ 207,27 / $ 6,81 / $ 0,28)
  • Belgio ($ 47.702 / 5,1% / $ 2.430,89 / $ 202,57 / $ 6,66 / $ 0,28)
  • Corea($ 33.110 / 7,18% / $ 2.377,30 / $ 198,11 / $ 6,51 / $ 0,27)
  • Slovenia ($ 33.085 / 6,49% / $ 2.148,54 / $ 179,04 / $ 5,89 / $ 0,25)
  • Chile ($ 23.247 / 8,87% / $ 2.062,24 / $ 171,85 / $ 5,65 / $ 0,24)
  • Canada ($ 47.843 / 3,81% / $ 1.823,30 / $ 151,94 / $ 5,00 / $ 0,21)
  • Repubblica Ceca ($ 21.689 / 6,63% / $ 1.437,98 / $ 119,83 / $ 3,94 / $ 0,16)
  • Spagna ($ 36.325 / 3,88% / $ 1.410,50 / $ 117,54 / $ 3,86 / $ 0,16)
  • Italia ($ 34.140 / 2,91% / $ 993,13 / $ 82,76 / $ 2,72 / $ 0,11)
  • Ungheria ($ 19.999 / 4,91% / $ 982,15 / $ 81,85 / $ 2,69 / $ 0,11)
  • Repubblica Slovacca ($ 22.031 / 3,82% / $ 840,92 / $ 70,08 / $ 2,30 / $ 0,10)
  • Messico ($ 14.867 / 5,36% / $ 796,72 / $ 66,39 / $ 2,18 / $ 0,09)
  • Estonia ($ 21.564 / 3,38% / $ 729,73 / $ 60,81 / $ 2,00 / $ 0,08)
  • Regno Unito ($ 41.384 / -0,18% / -$ 74,91 / -$ 6,24 / -$ 0,21 / -$ 0,01)
  • Finlandia ($ 40.731 / -0,20% / -$ 82,68 / -$ 6,89 / -$ 0,23 /-$ 0,01)
  • Giappone ($ 35.780 / -0,47% / -$ 168,17 / -$ 14,01 / -$ 0,46 /-$ 0,02)
  • Polonia ($ 23.998 / -0,71% / -$ 169,43 / -$ 14,12 / -$ 0,46 / -$ 0,02)
  • Irlanda ($ 46.074 / -0,4% / -$ 182,91 / -$ 15,24 / -$ 0,50 / -$ 0,02)
  • Portogallo ($ 24.105 / -4,07% / -$ 979,87 / -$ 81,66 / -$ 2,68 / -$ 0,11)
  • Lettonia ($ 20.518 / -11,24% / -$ 2.306,63 / -$ 192,22 / -$ 6,32 / -$ 0,26)
  • Grecia ($ 25.211 / -17,28% / -$ 4.255,45 / -$ 362,95 / -$ 11,93 / -$ 0,50)

Data la situazione finanziaria negli ultimi anni, vedere la Grecia in ultima posizione non ci sorprende molto, ma non per questo è meno importante approfondire il fenomeno.

Il problema che si riscontra in Grecia è infatti evidente: le spese sono in media più alte dello stipendio. Questo porta i cittadini greci a perdere 50 centesimi l’ora o $363 ogni mese.

In questo meccanismo in rosso si inseriscono anche altri otto Paesi che sono usciti con cifre negative dagli esiti dello studio sul risparmio. L’esempio che salta subito all’occhio è quello del Regno Unito che sta perdendo 1 centesimo ogni ora o $ 6,24 al mese.

Quale Paese risparmia di più?

Veniamo quindi ai numeri della Svizzera:

  • reddito medio annuo ($ 58.389);
  • risparmio medio delle famiglie (19,03%);
  • risparmio annuale ($ 11.109,09);
  • risparmio mensile ($ 925,76);
  • risparmio giornaliero ($ 30,44);
  • risparmio orario ($ 1,27).

I risultati mostrano che la Svizzera, nonostante abbia un reddito familiare inferiore rispetto agli Stati Uniti, risparmia di più, circa 926 dollari al mese o 1,27 dollari l’ora.

Le disparità in Usa

Al contrario gli Stati Uniti hanno il reddito familiare più alto nell’elenco dei 30 paesi studiati dall’OCSE, eppure sono al 9° posto per la quantità di denaro che sono in grado di risparmiare, dietro l’Australia e anche diversi paesi europei.

Tuttavia gli Stati Uniti hanno uno stato di avanzamento interessante visto che si differenza da Stato a Stato. Un esempio macroscopico della disparità? Grazie al loro reddito più elevato, le persone che lavorano nel New Hampshire possono risparmiare una media di $ 313 al mese o 43 centesimi all’ora. All’altra estremità della scala, gli abitanti del Mississippi sono in grado di risparmiare solo $ 166 ogni mese o 23 centesimi l’ora.

Argomenti

Iscriviti a Money.it