Hyundai Ioniq 6: la berlina elettrica che sfida il mercato

Gaetano Cesarano

30/09/2022

30/09/2022 - 19:03

condividi

Design ricercato e autonomia elevata sono gli elementi con cui Hyundai affronta la sfida del mercato nel segmento delle berline elettriche premium.

Il segmento delle berline elettriche si dimostra particolarmente vivace: molti nuovi modelli si affiancheranno nei prossimi mesi a quelli già presenti sul mercato, tra questi la Hyundai Ioniq 6. L’ultima nata della Casa coreana andrà a competere con le berline di segmento premium come Tesla, Bmw e Mercedes.

Nonostante sia stata progettata su una piattaforma condivisa con altri modelli elettrici (Hyundai Ioniq 5 e Kia EV6), la nuova Ioniq 6 ha un design molto ricercato caratterizzato da linee morbide ispirate al movimento «Streamliner» degli anni ’30 e ’40 del secolo scorso. Grazie ad uno stile personale e fuori dagli schemi, le vetture più rivoluzionarie di quel periodo garantivano infatti prestazioni ed efficienza elevate grazie a linee molto aerodinamiche. Allo stesso modo la Ioniq 6 si segnala per un’aerodinamica da record con coefficiente di penetrazione dell’aria pari a soli 0,21 Cx senza compromettere prestazioni, abitabilità e stile.

Il design della Ioniq 6

Il design, fortemente caratterizzato da una struttura ad arco, è la naturale evoluzione dei concetti chiave mostrati nel 2020 con la concept car Prophecy che anticipava dichiaratamente le soluzioni di design e di mobilità del marchio Hyundai. La Ioniq 6 conserva le ampie curve a disegnare linee armoniose e prive di spigoli in stile coupé. La parte inferiore della fiancata con trattamento cromatico in contrasto aiuta a snellire il corpo vettura mascherandone l’altezza. Il filo rosso con gli altri modelli della gamma è invece affidato ai cosiddetti pixel: sulla Ioniq 6 sono oltre settecento inseriti nei gruppi ottici anteriori, nella fascia led che ingloba le luci posteriori e addirittura nel volante, con funzione di indicatori della modalità di guida e della ricarica del pacco batterie.

Andrea Crespi, presidente di Hyundai Italia, ha sottolineato che la nuova vettura nasce con presupposti d’innovazione, motivo per cui è molto diversa nello stile dagli altri veicoli della gamma coreana e avanzata tecnologicamente rispetto ad altre auto elettriche dello stesso segmento di mercato.

Hyundai Ioniq 6 Hyundai Ioniq 6 .

Interni minimalisti e sostenibili per la Hyundai elettrica

La Hyundai Ioniq 6 è il secondo modello totalmente elettrico della Casa e ha ambizioni da vera ammiraglia. Approda nel segmento delle berline elettriche premium senza trascurare l’abitacolo progettato come un’ambiente personale, minimalista e sostenibile. Lo spazio a bordo è pensato come un living - “un rifugio accogliente e curato, capace di offrire un luogo su misura per ognuno” - dove il guidatore è avvolto da una plancia strumenti ergonomica con due pannelli touchscreen da 12,3 pollici, uno per il sistema infotainment, l’altro per gli strumenti di bordo. Tramite il Dual Color Ambient Lighting si può selezionare una delle 64 colorazioni disponibili per l’illuminazione dell’abitacolo. Ampio l’utilizzo di materiali sostenibili: il rivestimento dei sedili è ricavato dal tessuto PET riciclato, la plancia è rivestita in pelle trattata ecologicamente, i pannelli portiere sono rifiniti con vernice bio derivata da olii vegetali mentre la moquette è frutto del riciclo delle reti da pesca.

Hyundai Ioniq 6 Hyundai Ioniq 6 .

Trazione integrale automatica: la tecnologia della Ioniq 6

La Hyundai Ioniq 6 sarà disponibile in tre livelli di allestimento - Progress, Innovation ed Evolution - in abbinamento a due diversi tipi di powertrain elettrico a motore singolo o doppio e trazione rispettivamente posteriore o integrale. La variante 2WD sarà disponibile in configurazione Progress con pacco batterie da 53 kWh e Innovation da 77,4 kWh. Il top di gamma Evolution sarà dotato del pacco batterie di maggiore capienza e disponibile anche in versione 4WD. Davvero peculiare poi la gestione della trazione integrale con la possibilità di operare una ripartizione automatica del sistema «all wheel drive» o di forzare la marcia sulle sole ruote motrici posteriori per massimizzare l’autonomia nei lunghi viaggi.

L’autonomia massima dichiarata con l’accumulatore “long range” della configurazione più potente (239 kW di potenza, 605 Nm di coppia massima e accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,1 secondi) è di 610 km nel ciclo di utilizzo WLTP. Le funzionalità di ricarica supportano di serie la tecnologia a 400 e 800 Volt senza necessità di utilizzare componenti aggiuntivi: collegandosi a una colonnina Ultra-Fast da 350 kW, la Hyundai Ioniq 6 può essere ricaricata dal 10 all’80% in soli 18 minuti. Con una potenza di ricarica di 50 kW l’attesa per la stessa ricarica sarà invece di 50 e 62 minuti per i due tipi di pacco batterie disponibili.

Hyundai Ioniq 6 Hyundai Ioniq 6 .

Disponibile in prevendita da novembre, la Hyundai Ioniq 6 è una proposta molto interessante per il mercato. Il prezzo definitivo non è stato ancora rivelato ma possiamo presumere che sarà allineato a quello della Ioniq 5.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it