Un giovane 30enne guadagna milioni facendo shopping

Giacomo Astaldi

16 Dicembre 2021 - 10:20

condividi

Grazie alla sua società, un giovane di 30 anni riesce a guadagnare milioni vendendo e comprando prodotti.

Un giovane 30enne guadagna milioni facendo shopping

Guadagnare soldi, si sa, non è semplice. Figurarsi guadagnare milioni. Eppure, succede. Ed è esattamente ciò che il giovane trentenne statunitense Ryan Grant sta facendo grazie «semplicemente» allo shopping.

Solo sei anni fa, incastrato in un lavoro come contabile a tempo piano, decide di mollare tutto. Ora la sua azienda dà lavoro a 10 persone, vanta un profitto a sei cifre l’anno su degli utili che raggiungono i 6 milioni di dollari.

Come guadagnare milioni grazie allo shopping

Ma da dove vengono tutti questi soldi? Presto detto: Ryan
compra di tutto, dai giocattoli agli elettrodomestici, presso grandi rivenditori statunitensi come Walmart o Target, e li rivende online, principalmente su Amazon, da cui Grant afferma arriva «la maggior parte» delle vendite della sua azienda, sebbene la sua attività monetizzi anche vendendo prodotti su eBay e altri siti.

«Mi sono reso conto abbastanza presto che non stavo facendo la carriera che avrei voluto intraprendere», ha raccontato Grant a CNBC Make It in riferimento al suo precedente lavoro di contabile. «Quell’esperienza mi ha portato davvero cercare altre opzioni e ho iniziato a esplorare le opzioni che mi permettessero di lasciare quel lavoro, avere i miei orari e i miei tempi».

Per farlo, a Grant è bastato pensare a come sbarcava il lunario al college.

Mentre frequentava la Winona State University - si è poi laureato nel 2011 - organizzava delle grandi vendite di libri di testo usati all’interno del campus due volte l’anno. Poi inseriva i libri su Amazon e li spediva a clienti di tutto il Paese generando un profitto fino a 10.000 dollari all’anno.

Il processo funzionava in modo abbastanza semplice: utilizzando l’app Amazon Seller poteva vedere esattamente quanto potesse aspettarsi di trarre profitto da ciascun libro e in quale lasso di tempo. Di contro, le ore trascorse a elaborare e confezionare personalmente ogni ordine si sono rivelate a dir poco eccessive.

«Farlo per un semestre è stato sufficiente per sapere che non volevo farlo di nuovo», dichiara il giovane. «Da lì in poi ho usato la Logistica di Amazon».

L’utilizzo dei servizi di Amazon gli permetteva di spedire tutti i libri che voleva utilizzando le tariffe UPS e un magazzino Amazon, dove, a pagamento, il rivenditore online gestiva l’elaborazione e la spedizione di ogni singolo ordine. Ha reso il tutto più gestibile, in termini di tempo.

Semplicemente, quando Grant è diventato insoddisfatto del suo lavoro da contabile, è nata l’idea di rivolgersi al mondo online per vendere molto più che semplici libri di testo.

Come funziona il metodo di Grant

Dopo il lavoro e nei fine settimana, esplorava i corridoi di Walmart e acquistava giocattoli, videogiochi e articoli per la casa che si rendeva conto di poter rivendere per avere un profitto. Da un’aspirapolvere alle Barbie, dai set LEGO alle posate in acciaio inossidabile.

«Dedicavo circa 10 ore alla settimana e guadagnavo circa 1.000 dollari al mese», ricorda Ryan. Una volta in grado di guadagnare gli soldi su Amazon che riceveva per il suo lavoro da contabile, nel settembre 2013, si è dimesso.

«Ero convinto che se avessi avuto più ore da dedicare alla vendita online sarei stato in grado di aumentare il profitto», afferma Grant. Solo tre mesi dopo, a dicembre, ha registrato 9.000 dollari di profitto per un totale generato dalle vendite di 25.000 dollari.

«Guadagnare quella somma di denaro in un mese ha avuto un grande boost alla mia fiducia affinché aumentassi ulteriormente (il mio lavoro, ndr)», afferma Grant.

Quando scatole su scatole destinate ai magazzini di Amazon hanno iniziato ad accumularsi nel suo appartamento, nella primavera del 2014, ha affittato un magazzino.

Quando 30 ore di shopping e 15 ore di preparazione delle spedizioni ogni settimana sono diventate troppe da gestire da solo, Grant assume il suo primo dipendente, un amico che lo aiutava a setacciare i negozi locali.

Così è diventato più facile trovare i prodotti che offrivano la maggiore opportunità di arbitraggio. La stagionalità, si resero conto, era un fattore chiave. Potevano, ad esempio, acquistare delle caramelle scontate dopo Halloween e le decorazioni natalizie a metà prezzo con l’inizio del nuovo anno.

Il suo consiglio per chi è interessato ad intraprendere la stessa strada è semplicemente «iniziare il prima possibile».

«Molte persone rimandano per molto tempo, o dicono di voler avviare un’attività ma poi c’è sempre un motivo per cui oggi non è il giorno giusto». «Ma anche solo fare il primo passo e vendere online qualcosa che non stai usando aumenta le probabilità che tu possa avere lo slancio giunto capace di trasformarsi in cose molto positive».

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Amazon

Iscriviti a Money.it