Flat tax anche per i dipendenti? Ecco come potrebbe funzionare

Nadia Pascale

16/08/2022

16/08/2022 - 14:22

condividi

A chi conviene la flat tax? Ecco le simulazioni per le fasce di reddito con aliquota al 15% e al 23%, con e senza l’applicazione delle deduzioni annunciate.

Flat tax anche per i dipendenti? Ecco come potrebbe funzionare

La flat tax è l’idea centrale su cui si basa la campagna elettorale del centrodestra, o meglio della Lega e di Forza Italia, che propongono la tassa piatta per tutti, tra cui i lavoratori dipendenti.

Ecco come potrebbe funzionare per i lavoratori dipendenti, tenendo anche in considerazione le differenze tra i vari partiti del centrodestra, le simulazioni con le deduzioni e, infine, le simulazioni Uil senza applicazione delle deduzioni annunciate. In ogni caso, si ricorda che si tratta di simulazioni molto generiche e che per un reale calcolo è necessario attendere la formulazione della flat tax e l’applicazione concreta. Solo così sarà possibile realmente capire chi risparmierebbe e quanto e chi invece pagherebbe di più.

Flat tax per i vari partiti del centro-destra

La flat tax, o meglio tassa piatta, prevede un’imposta proporzionale ai redditi prodotti, superando in questo modo il modello di Irpef a scaglioni adottato finora. Occorrerà poi vedere all’atto pratico come saranno messi in ordine i conti, per far effettivamente quadrare entrate fiscali e servizi. Già all’interno della coalizione non vi sono idee chiare.

La Lega propone la flat tax al 15%, attualmente il primo scaglione Irpef prevede l’aliquota al 23% per i redditi fino a 15.000 euro. Questa proposta potrebbe portare benefici ai lavoratori dipendenti e in particolare a quelli con redditi più bassi. La Lega pensa di riuscire ad attuare questa riforma in 5 anni.
Forza Italia, però, propone l’aliquota proporzionale della flat tax al 23%, proponendo di modificare la No Tax Area, deduzioni e detrazioni in modo che non ci sia un incremento di imposta proprio per i redditi più bassi. Berlusconi inserisce questa riforma tra quelle da realizzare nei primi 100 giorni di governo.

A trainare, dal punto di vista elettorale, la coalizione di centrodestra è però Fratelli d’Italia, partito guidato da Giorgia Meloni, che ha più volte invitato la coalizione a fare proposte che siano realizzabili. Anche Fratelli d’Italia pensa a una flat tax, ma incrementale, cioè applicata solo ai redditi percepiti in più rispetto all’anno antecedente. Ad esempio, se nel 2021 ho guadagnato 40.000 euro e nel 2022 42.000 euro, la flat tax dovrebbe essere applicata solo su 2.000 euro.

Naturalmente, dal modo in cui sarà sviluppata laflat tax dipenderanno conseguenze diverse per i lavoratori dipendenti.

Su un elemento sono tutti abbastanza concordi: con una flat tax al 15% potrebbero mancare circa 50-60 miliardi di euro, mentre con una flat tax al 23% l’ammanco sarebbe di circa 20-30 miliardi di euro.

Flat tax per i lavoratori dipendenti: simulazione con deduzione

I lavoratori dipendenti in Italia sono circa 18 milioni, le simulazioni su possibili scenari sono state effettuate da diversi operatori e tra questi gli uffici Uil che hanno optato per un modello di flat tax senza deduzioni e detrazioni e hanno aggiunto la perdita di 960 € netti annui, derivanti dal bonus di 80 €, ipotizzandone il superamento.

Occorre ricordare che nei progetti di Lega vi è comunque una no tax area che dovrebbe essere applicata ai redditi inferiori a 7.000 euro. La stessa per Forza Italia, con aliquota al 23%, prevede una soglia della no tax area a 12.000 euro annui. Dovrebbe inoltre essere prevista una deduzione di 3.000 euro per tutti i lavoratori dipendenti con reddito fino a 35.000 euro, la detrazione dovrebbe invece essere riconosciuta fino a 70.000 euro per le famiglie e spetterebbe per ogni membro della famiglia.

Ad esempio, nel caso di una famiglia con reddito di 30.000 euro e un figlio, l’imponibile sarebbe 24.000 euro, con aliquota al 15% l’imposta sarebbe 3.600 euro. Con un reddito di 20.000 euro e lo stesso carico familiare, l’imponibile sarebbe 14.000 euro e l’imposta 2.100 euro l’anno.

I calcoli della Uil con la flat tax

Attualmente, in base ai dati rilevati dalla Uil, un lavoratore dipendente con reddito di 10.990 euro grazie alle deduzioni/detrazioni ha un’imposta del 7,19% e paga di Irpef 790 euro. Con la flat tax pagherebbe 1.649 euro a cui devono essere aggiunti i 960 euro. L’incremento mensile di imposta sarebbe di 140 euro. Con la proposta di Forza Italia con aliquota al 23% e no tax area di 12.000 euro, in questa fascia non dovrebbero essere pagate imposte.

Non va meglio a chi ha un reddito di 13.490 euro che attualmente paga 1.210 euro di Irpef con un’aliquota reale di 8,97%. Con la flat tax al 15% pagherebbe 2.024 euro. L’incremento mensile sarebbe di 136 euro.
Chi ha un reddito di 17.640 euro annui dovrebbe invece pagare mensilmente un’imposta più alta di 116 euro.

Scende la differenza di imposte prima e dopo la flat tax per un reddito medio di 22.830 euro, in questo caso mensilmente l’importo maggiore ammonta a 76 euro. I primi benefici si vedono per i redditi annui di 27.440 euro che attualmente, grazie a deduzioni e detrazioni, scontano un’imposta media del 16,98% e di conseguenza con un’aliquota al 15% pagherebbero circa 42 euro in meno mensilmente.

Man mano che i redditi aumentano, c’è un incremento di risparmio, naturalmente nelle fasce alte di reddito ci sono pochi lavoratori dipendenti. La maggioranza di questi infatti matura redditi bassi e medi. Il reddito medio pro-capite dei lavoratori dipendenti nel 2021 è stato di 20.720 euro.

I lavoratori autonomi invece dichiarano un reddito medio di 52.980 euro e i pensionati dichiarano un reddito medio di 18.650 euro. Il 4% degli italiani ha invece dichiarato un reddito superiore a 70.000 euro.

Con l’aliquota della flat tax al 23%, per ottenere un risparmio economico dall’aliquota proporzionale è necessario avere un reddito annuo di almeno 44.240 euro. Deve però essere ricordato che il calcolo Uil non sconta la deduzione di 3.000 euro per i single e 3.000 euro per ogni familiare a carico che è stata anticipata.

Simulazione flat tax Uil
Simulazione Uil

Argomenti

# IRPEF

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO