Ferrari batte Tesla: miglior titolo azionario automobilistico del 2022

Marco Lasala

29 Dicembre 2022 - 13:34

condividi

Nonostante sui mercati azionari sia un 2022 da dimenticare per le case automobilistiche, Ferrari è l’azienda che ha fatto registrare il minor calo.

Ferrari batte Tesla e questa volta non accade su strada, in qualche classico test di accelerazione o in pista, bensì in borsa. Il 2022 sarà un anno da dimenticare per le case automobilistiche anche e soprattutto in Borsa, l’indice FactSet che comprende le più grandi realtà operanti nell’automotive e aftermarket, quest’anno è calato del 38%.

Tutti i marchi automobilistici, dalle startup alle case specializzate nella produzione di auto elettriche, hanno registrato un consistente calo a due cifre, Tesla compreso, mentre l’unico brand che è riuscito a mitigare l’impatto di un economia che ha risentito di tanto fattori imprevedibili fino a qualche anno fa, è stata la Ferrari, in calo del 18% circa.

Il marchio del Cavallino Rampante chiuderà un 2022 da incorniciare e non solo a livello commerciale, circa 13.000 sono le unità vendute, la sua redditività è superiore alla media, il prezzo medio di ogni vettura venduta è stata di oltre 320.000 dollari, nonostante tutto, la lista di attesa per entrare in possesso di una Rossa made in Italy è lunghissima, prima tra tutte, la Ferrari Purosangue, la cui produzione per i prossimi due anni è completamente venduta.

Un Marchio che ha saputo fare delle prestazioni delle sue supercar, l’arma vincente anche oltre la pista e l’asfalto, l’esclusività di ogni suo modello è tangibile.

Ferrari è il miglior titolo azionario automobilistico del 2022

Non sorprende dunque che gli affari per il marchio del Cavallino Rampante, procedono a gonfie vele, le dichiarazioni di Benedetto Vigna, CEO Ferrari, lasciano poco spazio all’immaginazione, l’intera produzione per il 2022 è quasi interamente esaurita.

Un titolo azionario Ferrari è quotato sul mercato americano circa 285 dollari, il titolo azionario Tesla in poco più di un anno ha perso il 68%.

Argomenti

Nessun commento

Iscriviti a Money.it