Ferrari smentisce la fake news sull’attacco hacker

Marco Lasala

4 Ottobre 2022 - 09:08

condividi

La notizia che il Marchio del Cavallino Rampante avrebbe di recente subito un duro attacco hacker è stata prontamente smentita dalla stessa Ferrari.

Ferrari smentisce l’attacco hacker rivendicato da RansomEXX. Nella nota diffusa dal Marchio del Cavallino Rampante viene ribadito come non ci sia alcuna evidenza di una violazione dei propri sistemi.

Il presunto attacco hacker nei confronti dei sistemi informatici della Ferrari è stato il ripreso anche dal sito Red Hot Cyber, piattaforma specializzata in sicurezza informatica.

Questa la nota ufficiale diffusa dal brand di Maranello: “Ferrari è consapevole che alcuni media hanno segnalato la possibile perdita di informazione da parte di Ferrari e la presenza di alcuni documenti online. Ferrari non ha alcuna evidenza di una violazione dei propri sistemi o di ransomware e informa che non c’è stata alcuna interruzione del proprio business e dell’operatività. L’azienda sta lavorando per identificare la fonte dell’evento e metterà in atto tutte le azioni necessarie”.

Viene così smentita la notizia circa la presenza in rete di 7 gigabyte di documenti tra cui anche le schede tecniche di diversi modelli.

Attacco Ransomware: in cosa consiste?

Ransomware deriva dall’incrocio delle due parole “ransom” ovvero riscatto e ware, software cattivo. Un attacco ransomware comporta il blocco dei sistemi informatici o la codifica dei suoi dati, un genere di “azione” messa in campo da hacker pronti a chiedere alle aziende vittime dell’attacco informatico il pagamento di un riscatto, in genere in criptovalute.

Un attacco Ransomware avviene in genere tramite i classici malware contenuti in allegati di posta elettronica o file da scaricare, capaci di entrare nel cuore del computer o server e di decodificare autonomamente tutti i dati in esso presenti.

Per proteggersi da un attacco Ransomware oltre ai vari software di protezione dati del computer, occorre sempre fare attenzione alla attendibilità dei siti dove vengono effettuati i download.

Argomenti

Nessun commento

Iscriviti a Money.it