In Eurozona non c’è fiducia, in Germania stime sempre più cupe

Violetta Silvestri

29 Settembre 2022 - 12:57

condividi

I dati e le stime sull’economia in Europa non sono ancora incoraggianti: la fiducia crolla in Eurozona e nuove previsioni peggiorano le stime di crescita della Germania.

In Eurozona non c’è fiducia, in Germania stime sempre più cupe

La fiducia economica dell’Eurozona è scesa al minimo dal 2020 questo mese, poiché l’inflazione record e la prospettiva del primo inverno senza gas russo hanno gettato un’ombra sulla regione.

Tutti gli indicatori che alimentano l’indice sulla fiducia, dai servizi all’industria, hanno mostrato un deterioramento, con il sentimento dei consumatori in calo maggiore. L’incertezza tra le famiglie è ai massimi livelli.

Il risultato illustra il colpo al sentiment dopo la chiusura dei flussi di gas russo attraverso il gasdotto Nord Stream 1 all’inizio di questo mese, nonché il crescente danno economico inflitto dalle ricadute di sei mesi di guerra.

La Germania, locomotiva della regione, continua a stimare peggioramenti della crescita.

L’Europa senza fiducia: affondano gli indici

Una misura del sentiment compilata dalla Commissione europea è scesa a 93,7 a settembre. È inferiore alla previsione Bloomberg e il dato più basso da novembre 2020. Il risultato segna il settimo calo mensile consecutivo.

L’indagine ha anche mostrato un aumento delle aspettative di inflazione dei consumatori, sebbene tale indicatore rimanga notevolmente inferiore a un picco all’inizio di quest’anno.

I responsabili politici sono preoccupati che gli aumenti di prezzo previsti possano sfuggire al controllo. Proprio mercoledì, la presidente della Bce Christine Lagarde ha dichiarato a un evento a Berlino quanto da vicino i funzionari stiano monitorando misure come questa.

“Guardiamo cosa ci dicono i nostri scenari, facciamo analisi di sensibilità, guardiamo sondaggi, cerchiamo di capire esattamente cosa c’è nella mente degli investitori, nella mente dei consumatori”, ha affermato. “Dobbiamo assicurarci che le aspettative di inflazione rimangano ancorate al 2%.”

Da sottolineare che, sebbene la fiducia economica nell’area dell’euro si stia deteriorando, è ancora di gran lunga superiore al minimo di aprile 2020 subito dopo che la pandemia aveva imposto il blocco globale. Le aspettative sull’occupazione restano al di sopra della media di lungo periodo.

È probabile che le prospettive della regione continuino a deprimere ulteriormente il sentimento mentre il freddo stagionale attanaglia il continente. Proprio questa settimana, l’OCSE ha affermato che l’Europa in particolare sta sopportando il costo della guerra in Ucraina e molte economie devono affrontare un inverno difficile.

La Germania va incontro a stime pessime

In questo quadro di incertezza europea, una nuova previsione dei principali istituti economici tedeschi prevede che la più grande economia dell’Eurozona entrerà in recessione il prossimo anno.

Gli istituti hanno affermato che il Pil della Germania dell’1,4% quest’anno, si contrarrà dello 0,4% nel 2023 e crescerà dell’1,9% nel 2024. Hanno previsto anche che l’inflazione salirà all’8,8% l’anno prossimo, leggermente superiore al livello di quest’anno dell’8,4%, anche se scenderà al 2,2% nel 2024.

Malgrado non si aspettino che la nazione finisca il gas, gli istituti hanno affermato che la situazione dell’offerta “rimane estremamente rigida”, con i prezzi del gas che probabilmente resteranno ben al di sopra dei livelli pre-crisi.. “Questo significherà una perdita permanente di prosperità per la Germania, hanno aggiunto.

Commenta:

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.