Esame universitario: che succede se prenoto ma non mi presento?

Luna Luciano

23/04/2022

17/01/2023 - 13:10

condividi

Pur avendo studiato per un esame può capitare di decidere di non presentarsi all’appello. Sono quindi molti gli studenti che si domandano cosa può accadere in queste situazioni.

Esame universitario: che succede se prenoto ma non mi presento?

Il percorso universitario - come ogni studente saprà - è del tutto personale. Sta infatti al singolo studente o studentessa, di triennale o magistrale che sia, decidere quali e quanti esami preparare in vista della sessione d’esame, in base alle proprie priorità. Uno studente lavoratore, ad esempio, avrà un obiettivo diverso da uno studente full-time.

Eppure, nonostante la pianificazione, sarà capitato a tutti almeno una volta di decidere di non presentarsi all’appello pur avendo effettuato la prenotazione. Che questa decisione sia stata presa a causa di motivi salutari, personali, o semplicemente non ci si sente abbastanza preparati per sostenere l’esame non ha importanza. Pur essendo immersi in una società altamente performativa che vuole gli studenti eccellere a ogni esame, alimentando una competizione e ansia scolastica malsana fin dai tempi della scuola media, è importante rispettare i propri tempi (salutari e mentali).

Davanti a una simile situazione è naturale che uno studente, specialmente se una matricola, possa domandarsi che cosa possa accadere se si prenota ma non ci si presenta all’esame. È facile, infatti, farsi prendere dall’agitazione temendo il giudizio del professore o possibili sanzioni. Eppure, va ricordato che gli esami universitari sono liberi e quindi privi di costrizioni. È opportuno quindi approfondire la questione: ecco tutto quello che c’è da sapere.

Non sostenere un esame universitario: si può eliminare la prenotazione

Prima di preoccuparsi e domandarsi cosa accade se si prenota ma non ci si presenta all’esame, è consigliabile verificare se si è ancora in tempo per eliminare la prenotazione. Infatti, quando si effettua una prenotazione per un appello d’esame, la piattaforma solitamente offre la possibilità di eliminarla fino a qualche giorno prima dell’appello - ovviamente le regole possono variare di ateneo in ateneo.

Per questo motivo, se sorgono imprevisti o ci si rende conto di non essere preparati come si desidera, si può tranquillamente accedere al portale telematico ed eliminare o archiviare la richiesta di sostenere l’esame. In questo modo il proprio cognome non comparirà nella lista che avrà il professore o professoressa il giorno dell’esame.

Esame universitario: cosa accade se prenoto ma non mi presento?

In alcuni casi può capitare invece che non si possa più effettuare l’eliminazione della propria prenotazione. In questo caso capita spesso che l’unica domanda che rimbomba nella testa dello studente è sempre la stessa: “cosa accade se prenoto ma non mi presento?”. In realtà - come si vedrà - non c’è alcun bisogno di preoccuparsi.

Semplicemente il giorno dell’esame, quando il professore leggerà la lista dei nominativi dei prenotati, chi non risponderà all’appello sarà segnato come assente e quindi eliminato dalla lista per quel giorno. Lo studente dovrebbe quindi ottenere la ricevuta per via e-mail dell’assenza. In questo caso non sono previste sanzioni di alcun tipo né si dovrebbe incorrere nella spiacevole conseguenza del salto d’appello ancora adottato da alcuni professori. In caso contrario sarà invece responsabilità dell’ateneo di riportare nel proprio regolamento le possibili conseguenze. Ma in linea generale si può star tranquilli questi sono casi abbastanza rari.

Anzi, segnata l’assenza sul portale universitario, lo studente o studentessa ha quindi la possibilità di prenotarsi nuovamente all’appello successivo. L’unico inconveniente che deriva dal non sostenere un esame è di natura personale in quanto si continuerà a studiare la stessa materia durante la sessione.
Quest’ultimo aspetto non è detto oltretutto che debba essere per forza un negativo. È salutare ricordare che oltre al voto e i crediti necessari per concludere il proprio percorso universitario, lo studio dovrebbe essere più consapevole e approfondito. Quindi se ci si sente di padroneggiare la materia come si desidera (sempre in base alle proprie priorità) si è liberi di non dare un esame in quella sessione. Infatti gli esami universitari sono liberi, privi di costrizioni e giudizi.

Argomenti

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it