Dress code per il ritorno in ufficio: le alternative alla camicia

24 Agosto 2022 - 12:24

condividi

In estate, ma anche in inverno, avere stile è possibile pure senza camicia: polo, t-shirt e maglie a collo alto sono protagonisti. Come sceglierli e le migliori offerte

Dress code per il ritorno in ufficio: le alternative alla camicia

Indossare ogni giorno la camicia può essere fastidioso: oltre a non essere un indumento generalmente ritenuto comodo, richiede anche una cura particolare, deve infatti essere stirata e il colletto ben inamidato. Con questa è talvolta anche necessaria la cravatta, che certamente non contribuisce a renderla un capo confortevole, specialmente negli spostamenti quotidiani.

Con il passare degli anni, fortunatamente, molti ambienti lavorativi sono diventati molto più tolleranti, arrivando a non esigere più soltanto la cravatta, ma talvolta anche la camicia. Come vestirsi dunque se si lavora in un ufficio in cui non è richiesta questa classica accoppiata?

Le alternative maschili sono molte e alcune, se ben calibrate, possono essere qualificate addirittura allo stesso livello. Ecco quali sono.

Prova Amazon Prime GRATIS per 30 giorni

L’alternativa estiva: t-shirt e polo

Specialmente nelle torride giornate estive, indossare la camicia può essere molto scomodo, in particolare se abbinata alla cravatta.

La camicia bianca può fortunatamente essere sostituita con una t-shirt o una polo, a patto che queste rispettino dei canoni ben precisi.

Partiamo dalla t-shirt: dovendo sostituire una camicia, ci si aspetta che questa sia molto sobria, perciò bianca, e priva di qualsiasi disegno o fantasia. Per completare l’outfit è possibile optare per un completo in lino, anch’esso molto leggero.

Sebbene una semplice t-shirt non conferisca lo stesso look istituzionale che è possibile ottenere con una camicia, questa è in grado di dare un aspetto giovanile e fresco a chi la indossa.

Similmente, anche le polo possono sostituire la camicia. La scelta migliore è senza dubbio quella di optare per colori sobri come bianco e celeste, e materiali freschi e di buona qualità, come cotone e lino.

Grazie al colletto, caratteristico di questo capo, questo indumento ricorda vagamente quello di una camicia, dando però a chi lo indossa una sensazione di maggiore freschezza.

L’alternativa invernale: la maglia a collo alto

Conosciuto anche con il nome di “dolcevita” questo capo d’abbigliamento rappresenta un classico dell’eleganza maschile.

Acquistabile in diversi materiali - dai più economici ai più lussuosi - negli anni si è confermato un fedele alleato grazie alla sua versatilità.

Se acquistato in lana merino, ad esempio, questo può essere indossato andando a sostituire direttamente la camicia, collocandosi cioè sotto la giacca.

Da scegliere generalmente con un colore a contrasto con quello del completo che si indossa, alcuni dei colori più quotati sono il bianco panna sul completo blu, o il blu su un completo grigio.

Grazie a questo abbinamento è possibile conservare l’istituzionalità offerta da un completo, magari sartoriale, avendo a disposizione il comfort del maglione.

In alternativa al dolcevita più leggero è possibile sceglierne un altro più pesante, generalmente realizzato in lana o cachemire. Questa tipologia di dolcevita presenta talvolta delle fantasie o dei motivi, come ad esempio delle trecce.

È consigliabile indossarlo nelle stagioni più fredde, specialmente perché, grazie al collo alto, è in grado di proteggere dal mal di gola e da altre malattie stagionali.

Al contrario della sua versione più sottile, questo dolcevita non si presta a essere indossato con abiti, poiché è già di per sé molto pesante; può invece essere indossato direttamente con un cappotto, rimuovendo quest’ultimo una volta arrivati in ufficio.

Iscriviti a Money.it