Dollaro forte: perché non è una buona notizia (per alcuni)

Violetta Silvestri

8 Agosto 2022 - 15:32

condividi

Mentre l’EUR/USD viaggia debolmente sopra la parità, il biglietto verde perde slancio, ma resta forte. Gli analisti vedono la valuta rifugio in corsa. E questa, per molti, non è una buona notizia.

Dollaro forte: perché non è una buona notizia (per alcuni)

L’EUR/USD è scambiato in modo abbastanza instabile, intorno al livello di 1,02, nella giornata di scambi dell’8 agosto.

Il dollaro statunitense sta vivendo un periodo di grande slancio grazie alla combinazione di dati economici statunitensi più forti e commenti da falco da parte dei presidenti della Fed regionali, che hanno incoraggiato i partecipanti al mercato a respingere le aspettative per un perno politico accomodante.

Nello specifico l’aggressiva campagna di aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve per contrastare l’inflazione alta da decenni. Ciò ha reso gli investimenti americani più attraenti, poiché ora offrono rendimenti più elevati.
I viaggiatori statunitensi possono rallegrarsi del fatto che una serata fuori a Roma che una volta costava $ 100 ora costa circa $ 80, ma è un quadro più complicato per le multinazionali e i governi stranieri.

L’analisi di alcuni esperti su Cnn Business indica proprio quanto un biglietto verde così forte nel tempo possa danneggiare altri contesti e nazioni.

Lo slancio del dollaro non finirà: cosa significa?

Il biglietto verde è aumentato di oltre il 10% nel 2022 rispetto alle altre principali valute - vicino al livello più alto degli ultimi due decenni - poiché gli investitori preoccupati per una recessione globale si sono affrettati a raccogliere dollari, che sono considerati un rifugio sicuro in tempi turbolenti.

Il dollaro Usa tende a salire di valore quando l’economia americana è molto forte, o quando è debole e il mondo sta affrontando una recessione.

In entrambe le situazioni, gli investitori vedono la valuta del Paese come un’opportunità per bloccare la crescita, o come un luogo relativamente sicuro dove parcheggiare contanti mentre cavalcano la tempesta.

Il fenomeno viene spesso definito il “sorriso del dollaro”, poiché aumenta a entrambi gli estremi.

Ma il resto del mondo ha meno di cui sorridere. Per esempio, quest’anno l’euro è crollato sulla parità. Gli economisti di Rabobank continuano a vedere un ulteriore potenziale di ribasso per la valuta comunitaria in una prospettiva da uno a tre mesi, “tuttavia, affinché ciò avvenga, la forza dell’USD dovrà probabilmente essere integrata con un altro attacco di nuove notizie negative sull’EUR. È probabile che il valore del dollaro rimanga stabile fino a quando il contesto per le valute rischiose non migliorerà. Ciò suggerisce la possibilità di un dollaro fermo fino al 2023.”

Inoltre, da sottolineare, circa la metà del commercio internazionale viene fatturata in dollari e anche i Governi che devono ripagare i propri debiti in dollari potrebbero avere problemi, soprattutto se le riserve si esauriscono.

Il guadagno del dollaro sta già danneggiando alcune economie vulnerabili. La carenza di dollari in Sri Lanka ha contribuito alla peggiore crisi economica nella storia del Paese, costringendo infine il suo presidente a lasciare l’incarico il mese scorso.

La rupia pachistana è precipitata a un minimo storico rispetto al dollaro alla fine di luglio, spingendola sull’orlo del default. E l’Egitto, colpito dall’aumento dei prezzi dei generi alimentari, sta affrontando una riserva di dollari esaurita e un esodo di investimenti stranieri. Tutti e tre i paesi hanno dovuto chiedere aiuto al Fondo monetario internazionale.

Perché il dollaro forte può essere un danno: 3 motivi

Manik Narain, responsabile della strategia cross-asset per i mercati emergenti di UBS, ha identificato tre ragioni principali per cui un dollaro più forte potrebbe danneggiare i Paesi del mondo con economie più piccole.

Innanzitutto, non tutti gli Stati hanno la capacità di prendere in prestito denaro nella loro valuta locale, dal momento che gli investitori stranieri potrebbero non avere fiducia nelle loro istituzioni o avere mercati finanziari meno sviluppati. Ciò significa che alcuni non hanno altra scelta che emettere debiti denominati in dollari. Ma se il valore del dollaro aumenta, diventa più costoso rimborsare le loro passività, prosciugando le casse del Governo. Inoltre, rende più costoso per le nazioni o le imprese importare cibo, medicine e carburante.

Il secondo punto mette in evidenza che quando la valuta di un Paese si indebolisce drammaticamente, individui facoltosi, aziende e investitori stranieri iniziano a ritirare i loro soldi, sperando di riporli in un posto più sicuro. Ciò spinge la valuta ancora più in basso, esacerbando i problemi fiscali.

Terzo, se le aziende non possono permettersi le importazioni di cui hanno bisogno per gestire le loro attività, non avranno così tanto inventario. Ciò significa che non saranno in grado di vendere tanto, anche se la domanda rimane solida, pesando sulla produzione economica. Quando l’economia statunitense va avanti, questo può attutire parte del colpo. Molti mercati emergenti esportano beni nella più grande economia mondiale.

Ma quando il dollaro si rafforza perché l’America è sull’orlo della recessione? “Questo può infliggere più dolore ai mercati perché non hai il lato positivo di una migliore crescita economica sullo sfondo”, ha riferito l’analista Narain.

C’è da dire, comunque, che il debito denominato in dollari è meno comune di prima. Paesi come Brasile, Messico e Indonesia generalmente non hanno preso molto in prestito in valuta estera e ora detengono riserve di valuta estera sufficienti per gestire il loro carico di debito estero.

Inoltre, i prezzi di materie prime come petrolio e metalli di base rimangono elevati. Ciò aiuta le economie emergenti che sono i principali esportatori, inclusi molti in America Latina, e funge da modo affidabile per garantire che i dollari continuino a fluire nelle casse del governo.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.