Dipendenti con cessioni del quinto e pignoramenti, come gestire la cessazione del rapporto e il Tfr?

Paolo Ballanti

21 Ottobre 2023 - 14:32

La gestione di cessioni del quinto e pignoramenti richiede particolare attenzione soprattutto quando termina il rapporto e l’azienda è chiamata a liquidare il Tfr. Ecco come comportarsi in questi casi

Dipendenti con cessioni del quinto e pignoramenti, come gestire la cessazione del rapporto e il Tfr?

Il Trattamento di fine rapporto (Tfr) è un elemento della retribuzione spettante al dipendente che, a differenza di altri importi riconosciuti in busta paga, è erogato soltanto alla cessazione del contratto.

Fanno eccezione, in tal senso, le ipotesi di anticipo, in costanza di rapporto, di una quota - parte del Tfr. A tutela sia dell’azienda (chiamata a un possibile ingente esborso economico) che del dipendente (al fine di garantirgli comunque una somma residua alla cessazione del contratto), l’anticipo è soggetto a una serie di limiti, in termini di:

  • Importo massimo;
  • Eventi che legittimano il lavoratore ad ottenere l’anticipo;
  • Numero di dipendenti ai quali può essere concessa l’anticipazione;
  • Anzianità di servizio del beneficiario.
[...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Abbonati ora

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Sei già iscritto? Clicca qui

​ ​

Iscriviti a Money.it